Disabili e minori costretti a mendicare, l’incubo degli schiavi romeni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
bambini_elemosinaSabato 27 febbraio a Nocera Inferiore (SA) e Caivano (NA), i Carabinieri del Reparto Territoriale di Nocera Inferiore hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere – emessa dal GIP del Tribunale di Salerno su richiesta della Procura – nei confronti di 3 cittadini romeni, ritenuti responsabili di associazione per delinquere finalizzata alla tratta di persone. Il Provvedimento arriva al termine di un’indagine avviata nell’aprile 2015 e che ha portato ad individuare il gruppo criminale composto dagli stranieri avente come base operativa un campo nomadi di Nocera Inferiore.

Questi avrebbero trasportato in Italia 32 cittadini romeni, di cui 2 minori (alcuni dei quali affetti da menomazioni e disabilità fisiche ed alloggiati nel campo nomadi) costretti a mendicare nei pressi di supermercati, chiese ed incroci semaforici dell’Agro Nocerino Sarnese e della provincia di Salerno. Alla sera ognuno doveva consegnare il denaro “ottenuto” ai membri dell’organizzazione subendo violenze fisiche e privazioni in caso di rimostranze. Altre due persone, sempre di nazionalità romena e destinataria di provvedimenti restrittivi in carcere, sono risultate irreperibili sul territorio nazionale mentre un minore romeno è indagato in stato di libertà. I primi tre stranieri inoltre sono anche indagati per il reato di riduzione in schiavitù

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. il problema siamo noi italiani. Se nessuno gli desse nulla nemmeno un euro allora devi vedere che il problema si risolverebbe subito

  2. Sono d’accordo con dada: non diamo neanche un centesimo a chi mendica davanti a supermercati, farmacie, pasticcerie, per strada ed il problema sarebbe risolto. Dando qualche spicciolo a questi disgraziati, non aiutiamo essi stessi ma foraggiamo le organizzazioni criminali che li usano! Vogliamo capirlo?

  3. bisogna sottrarle questi minori a chi le sfrutta in questa maniera barbara ,fate il dna a queste bambine per il maggior parte dei casi non sono loro figlie e comunque vanno sottratte in ogni caso ,hanno diritto di vivere una infazia dignitosa

  4. Questi questuanti sono finti poveri perché hanno lo smartphone, quindi sono solo parassiti!!
    Per me vanno almeno espulsi.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.