Stop alle Fonderie Pisano, la preoccupazione della Cgil di Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Fonderie_Pisano“Il provvedimento amministrativo di fermo temporaneo dell’Arpac Regione Campania, imposto alle Fonderie Pisano, per la rimozione di alcune criticità riscontrate nella struttura produttiva, ha determinato il fermo dell’attività per circa 130 unità e di altre 400 legate all’indotto.

Ciò ha provocato forti preoccupazioni tra i lavoratori per la probabile perdita di importanti commesse, vitali per l’attività produttiva e il futuro occupazionale dell’azienda.

Il perdurare del fermo rischia di scoraggiare alcuni importanti clienti che potrebbero orientarsi verso altre aziende”. Così, in una nota, Anselmo Botte e Matteo Buonagiunto della Cgil di Salerno esprimono preoccupazione per la vicenda dello storico impianto cittadino, il cui futuro è a rischio.

“I lavoratori e le organizzazioni sindacali ribadiscono la volontà di affrontare con la dovuta determinazione e serietà le tematiche legate alla sicurezza nei luoghi di lavoro e le problematiche ambientali, che restano una importante prerogativa senza la quale si mette a rischio la salute delle maestranze, prima ancora che della cittadinanza – si legge ancora nella missiva – . Riteniamo che su queste argomenti debba intervenire la Prefettura, aprendo un tavolo permanente di confronto per seguire attentamente il percorso che questo provvedimento amministrativo ha determinato.

E’ per questo che abbiamo chiesto un incontro urgente con il Prefetto di Salerno che deve vedere la partecipazione della direzione aziendale delle Fonderie Pisano, l’Arpac Regione Campania, la Regione Campania e il Comune di Salerno. Sarà quello il luogo, e non altri, dove ognuno dovrà esprimere la sua posizione, ritenendo che tutte le parti mirino ad un unico obiettivo: quello della salvaguardia occupazionale e produttiva, e quello della sicurezza ambientale”, concludono i due esponente Cgil.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. la fonderia deve chiudere e gli operai in cassa integrazione fino alla delocalizzazione dell’impianto in zone meno abitate. Sono 50 anni che le persone respirano questa puzza di bruciato che ti entra nei polmoni causando asma, tumori di ogni genere, non se ne puo più. BASTA!!!!!!!!!BASTA!!!!!!!!!!!!!

  2. oppure se non respirate fatevi una casa alle Tre Cime di Lavaredo.
    Ciucci speculatori.
    Avete già misurato e rimisurato che altro serve?

  3. Nel 68 andavo all’università e facevo la rivoluzione,avevo sempre i comunisti sotto-casa pronti ad agredirci perchè non la pensavamo come loro.L’industria all’epoca inquinava tutto il nord ed era il prezzo da pagare per il benessere post -bellico.La mia famiglia abitava vicino alle fonderie Pisano e nessuno di noi ha il tumore.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.