Ultima Guerra: ‘Recuperare relitto Velella affondato al largo di Salerno’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Sommergibile_VelellaAl largo di punta Licosa (Salerno), a circa 138 metri di profondità, giace il relitto di un sommergibile della Regia Marina con ancora a bordo i resti dell’equipaggio. Si tratta del “Velella”, silurato e affondato il 17 settembre del 1943, mentre operava nell’ambito del “Piano Zeta” ideato per contrastare il previsto sbarco anglo-americano. Con il Velella scomparvero anche il comandante Patanè, cinque altri ufficiali e 44 tra sottufficiali e marinai. “Si tratta dell’ultimo sommergibile italiano perduto nella guerra contro gli Alleati. Ed è incredibile come, a più di 70 anni di distanza, malgrado le numerose iniziative messe in campo, innanzitutto dai familiari e dai parenti, nessuno abbia ancora accolto le istanze di chi vuole dare degna sepoltura ai propri caduti”.

E’ quanto scrive, in una interrogazione rivolta ai ministri della Difesa, dei Beni Culturali e dello Sviluppo Economico, la senatrice del gruppo ALA (Alleanza Liberalpopolare-Autonomie) Eva Longo, vicepresidente della Commissione Finanze. Considerato “l’alto valore storico del relitto, la cui integrità è seriamente messa a rischio dalle reti dei pescatori che restano sovente impigliate nelle lamiere e dalla lunga permanenza in acqua”, e “tenuto conto del fatto che l’Italia dispone di grossi mezzi militari in grado di recuperare relitti a svariate centinaia di metri di profondità (come ad esempio, la nave Anteo)”, la Longo chiede ai “ministri in indirizzo se intendano procedere al recupero del sommergibile e con quali tempi e modalità”.

“Il Velella – sottolinea ancora la parlamentare di ALA – potrebbe essere stato affondato addirittura ad armistizio già firmato”. Un fatto, questo, che rende “ancora più interessante la sua storia e più necessario il recupero, considerando che a bordo potrebbero essere presenti documenti utili a chiarire alcune dinamiche del secondo Conflitto Mondiale”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.