Comitati civici contro le Fonderie Pisano, volantinaggio in centro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
fonderie_pisano_salernoIl “Comitato e l’Associazione Salute e Vita” continua la propria battaglia per la risoluzione dell’annosa vicenda delle Fonderie Pisano a Salerno e chiede oltre alla delocalizzazione dell’azienda anche un immediato studio epidemiologico all’ASL sulla popolazione residente coinvolta. C’è bisogno che venga individuata una zona industriale alternativa ed adatta ad ospitare un nuovo opificio ma nel frattempo si preme affinchè venga revocata definitivamente l’AIA. A detta del comitato troppi sono i ritardi di intervento da parte delle istituzioni per le quali viene invocato un consiglio intercomunale tra i Comuni di Salerno, Pellezzano e Baronissi. Alla Magistratura il Comitato chiede “giustizia e verità” affinchè si faccia piena luce sui numerosi ed anomali casi di patologia tumorali che colpiscono la popolazione residente.

In mattinata nella centralissima piazza Monsignor Bolognini si sono tenuti dei presidi di volantinaggio nei quali il Comitato ha voluto mettere ben in mostra la provocazione che accompagna l’ennesimo no alle fonderie di Fratte: riferendosi alla sospensione delle attività decisa dalla Regione Campania, il comitato scrive sui volantini che “questi saranno i 60 giorni più sani della nostra vita”..

“Stiamo attuando dei banchetti informativi per promuovere l manifestazione del 14 marzo – dichiara Lorenzo Forte, portavoce del Comitato – dove alle 17.30 presso la Chiesa Santa Maria dei Greci a Fratte svolgeremo una Via Crucis per la difesa del Creato. Successivamente con una messa ricorderemo le vittime dell’inquinamento atmosferico in tutta la valle dell’Irno. Alle 19.15 infine è prevista una fiaccolata che passerà dinanzi i cancelli delle Fonderie”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. ha ragione a dire questi saranno i 60 giorni più sani della nostra vita, per cinquanta anni e più abbiamo respirato questa puzza e polveri. Basta!!!!!! Basta!!!!!! delocalizzare le fonderie Pisano e ammortizzatori sociali per i dipendenti. Per il bene nostro e per il bene dei lavoratori.

  2. E’ vero che il registro tumori della provincia di Salerno non viene aggiornato dal 2008?
    Se è vero nessuno saprà mai quanti si sono ammalati di tumore negli ultimi 8 anni a Salerno……………….

  3. bravo Lorenzo spero solo che non rovini tutto presentandoti alle prossime elezioni comunali

  4. Si si potrebbe delocalizzare spostando il tutto sotto casa vostra.
    Anche ad Acerra si sbraitava che l’inceneritore faceva venire i tumori:quindi manifestazioni,mamme e bambini per strada,tumori da per tutto che non esistevano,medici e tromboni che spiegavano le verità più assurde;il tutto per il gioco della camorra che non voleva l’inceneritore ma gestire i propri affari.Poi Berlusconi disse basta e fu fatto l’inceneritore che oggi ha risolto tanti problemi di smaltimento rifiuti e a tumori 0 dico Zero.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.