Sanità: Sconfiggere l’ Epatite C, a Napoli arriva Prometheus

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
medici_medico_generico_salerno_sanitàIn Campania sarebbero circa 200 mila le persone portatrici di infezione da HCV, la maggiore incidenza in Italia, ma con una gestione ottimale del paziente oggi è possibile puntare al 100% di guarigioni: per sconfiggere l’epatite C fa tappa, alla Mostra d’ Oltremare di Napoli, Prometheus, il primo laboratorio mobile al mondo per rendere più efficace la lotta al virus.

Centoventi mq su 2 piani, il ‘Cell Explorer’ sta coinvolgendo 200 epatologi ed infettivologi in tutta Italia puntando con la sua alta tecnologia sulla ‘formazione medica esperienziale’: durante le simulazioni i partecipanti interagiscono infatti con un ‘paziente virtuale’. Prometheus, ovvero Patient Journey Mobile Lab on HCV, è un progetto organizzato da QBGROUP con il supporto di AbbVie.

“Il rilevante impatto epidemiologico della infezione da HCV comporta per i Centri specializzati l’esigenza di gestire un numero sempre crescente di pazienti bisognevoli di terapia – dichiara Giovanni Battista Gaeta, ordinario di Malattie Infettive alla Seconda Università degli Studi di Napoli – Basti pensare che l’infezione da HCV è in Italia la causa più importante di epatopatia, in quanto è riscontrabile nel 62% delle epatiti croniche e nel 73% degli epatocarcinomi”.

L’onere sanitario complessivo dell’epatite C si attesta intorno al miliardo di euro all’anno. “Grazie a una gestione ottimale del paziente è possibile oggi ridurre i costi di gestione durante tutto il percorso terapeutico del paziente con HCV e con risultati che puntano al 100% di guarigioni”, dichiara Filomena Morisco, professore Associato di Gastroenterologia, dell’Università Federico II.

“Nel corso dell’ultimo anno la gestione della paziente con Epatite C in regione è andata incontro ad una profonda evoluzione – conclude Nicola Caporaso, direttore della Scuola di Specializzazione in Gastroenterologia della Federico II – I Centri di cura della Campania hanno dato un forte contributo verso l’ottimizzazione del percorso diagnostico e di cura della malattia. La regione oggi ha la più alta prevalenza della patologia ma il suo modello gestionale dimostra che l’Epatite C in Campania si può curare e non fa più paura”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.