Il gol del croato Bagadur entra nella storia granata

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Cesena_Salernitana_2_Bagadur_bisAlzi la mano chi, tra i tifosi della Salernitana, non ha urlato a squarciagola al gol di Ricardo Bagadur. Quella del croato non è una rete qualsiasi. E’ la rete della riscossa. E’ la rete della rimonta. E’ la rete dell’orgoglio granata, quello di una squadra che non vuole mollare e che ha ripreso a lottare. Il gol dell’ex difensore della Primavera viola è entrato di diritto nella storia di questo campionato e non solo. Bagadur al 94′ fa già parte del mito granata. L’incredulità del giovane croato, quella genuina esplosione di gioia sono l’emblema della rivincita della Salernitana che ora può credere davvero nella salvezza e ritrovare fiducia nei propri mezzi. Non è un caso che quel gol lo abbia segnato proprio Bagadur.

Il giovane croato meritava di diventare l’uomo copertina della partita di Cesena. Impeccabile, preciso, sempre pulito negli interventi, il centrale ex della Fiorentina si era reso protagonista di un’altra prova importante, ma che rischiava di essere macchiata da quel fallo costato il calcio di rigore concesso agli avversari. Sarebbe stato un fardello troppo pesante da sopportare per Bagadur che invece anche in quella circostanza aveva calcolato bene i tempi, perchè quel fallo era nettamente fuori area. Il penalty era inesistente, ma di fatto aveva permesso al Cesena di mettere la testa avanti. Bagadur non si è arreso e alla fine è arrivato l’episodio del riscatto: il colpaccio da tre punti (il primo della storia granata al Manuzzi), porta la sua firma.

Quella sua spontanea esultanza, quella corsa ad abbracciare il compagno Strakosha resteranno impresse nella memoria dei tifosi della Salernitana. Bagadur è una delle più belle sorprese di questo campionato. Nato a Rijeka, in Croazia, vent’anni fa, è cresciuto nelle giovanili della sua città, prima di passare tra le fila del Pomerac in seconda divisione. E’ stato scoperto dalla Fiorentina, che lo ha ingaggiato nel 2014 per il campionato Primavera, ma che poi lo ha fatto esordire in prima squadra in A nella partita contro il Parma (finita 3-0) del 18 maggio dello scorso anno. A gennaio, quando è approdato in prestito alla Salernitana, il “piccolo” centrale di appena 189 centimetri era solo un osservato speciale, un buon giocatore in prospettiva con un altro nome impronunciabile. Ora invece è il volto della corsa per la salvezza ed è già nel cuore dei tifosi. Una di quelle belle storie del calcio che si vorrebbe raccontare più spesso. Una storia granata.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.