Musica: la pianista Joanna Trzeciak di scena a Salerno per il Festival ‘Piano Solo’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Joanna_TrzeciakGiro di boa per la decima edizione del Festival Pianistico Internazionale Piano Solo, promosso dai pianisti Paolo Francese e Sara Cianciullo, ospite del Comune di Salerno, con la collaborazione di Santarpino Pianoforti e Pisano Ascensori. Venerdì 11 marzo, alle ore 19, nell’abituale cornice del Salone dei Marmi del palazzo di Città, serata dedicata alla grande scuola polacca, con la pianista Joanna Trzeciak, la quale eseguirà pagine di Fryderyk Chopin e Karol Szymanowski. Il récital principierà con la Barcarolle op.60, in fa diesis maggiore, datata 1846, una composizione dalla modernità sorprendente nell’armonia, dalla tecnica scintillante e dalla travolgente intensità espressiva. Ha la forma di un ampio notturno tripartito, il cui tema principale è una dolce cantilena sostenuta da un ritmo di berceuse.

Nell’episodio centrale un lieve gioco di terzine a poco a poco si gonfia, si inturgidisce sino a trovare sbocco in un canto appassionato che chiude con una coda traboccante di raffinate armonie. Si passerà quindi all’esecuzione dei quattro improvvisi composti dal genio polacco l’op. 29 in La bemolle, l’improvviso in Fa diesis op.36 e l’op.51 in Sol bemolle. Il primo e l’ultimo sono in forma di canzone tripartita, quasi a ricordare il notturno, il tutto lavorato con la minuziosa arte di un orafo. L’improvviso op.36 è, invece, un brano formalmente ed emotivamente più articolato. La forma è ancora quella della canzone, ma la prima parte presenta un gruppo tematico ben definito e la seconda parte è una marcia guerriera, quasi un micro-poema sinfonico.

Chiusura con l’op.66 un improvviso-fantasia caratterizzato da una tessitura armonica fluida e trasparente che attesta un luminoso momento creativo dell’artista, specie nell’Allegro agitato iniziale, che con i suoi accordi freschi e vaporosi dà una sensazione di risveglio della natura in un limpido mattino di primavera, prima di chiudere il primo set chopiniano con la Polacca in Fa diesis op.44, dalla costruzione grandiosamente ricca di episodi contrastanti, con l’inserimento di momenti lirici e di un episodio guerriero con imitazione di trombe e tamburi.

Il momento centrale del concerto saluterà l’interpretazione delle quattro mazurche op.68, con la prima in Re, breve e semplice paginetta che non oltrepassa il gusto salottiero, la celeberrima n°2, in La, con l’inserimento del quarto grado alterato e il conseguente Zal polacco, una specie di blue note, la terza, in Fa, basata sul canto popolare “Oj Magdalino, ma presto riportata in ambiti stilistici occidentali, e la quarta, ancora in Fa, pubblicata postuma, un pezzo visionario che preannuncia le sonorità opache di Bartòk. Finale di serata con le Maschere op.34 composte da Karol Szymanowski tra il 1915 e il 1916. Costruzione a trittico secondo la scuola francese di Debussy e Ravel, da cui prende ad usare la sonorità pianistica in modo molto raffinato. Ascolteremo Shéhérazade, Clown Tantris e la Serenata di Don Juan, in cui la retorica dei grandi gesti sonori si insinua nelle pagine concepita su di una politonalità che sfrutta la disposizione stessa dei tasti del pianoforte.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.