Ora vietato fermarsi, scontri diretti decisivi per la salvezza

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Salernitana_Entella_27_Colombo_esultanzaGli scontri diretti, si sa, valgono doppio. Ancora di più ora che la classifica del campionato di Serie B è sempre più corta e le giornate che mancano al termine della stagione regolare sono sempre meno. 12 per l’esattezza. La Salernitana, che si ritrova ad inseguire, essendo in ritardo di un punto rispetto al Vicenza, due rispetto al Livorno, tre rispetto a Lanciano e Pro Vercelli, è chiamata a mettere le marce alte se vuole mantenere la categoria riconquistata lo scorso anno dopo tanti anni di mortificazioni e sofferenze. I ragazzi di mister Menichini devono conquistare almeno 20 punti nei prossimi 12 turni (quasi 2 di media a partita) e, di conseguenza, dovranno cercare di avere un rendimento estremamente costante.

Dopo la vittoria in pieno recupero ottenuta a Cesena, dunque, i granata sono chiamati a ripetersi, anche perchè vincere sabato col Lanciano permetterebbe in un sol colpo ai granata di acciuffare gli abruzzesi a quota 33 e (cosa di non poco conto) portare in proprio favore la differenza punti negli scontri diretti coi rossoneri (visto che all’andata la partita finì 2-2). Moro e soci devono rendere l’Arechi un fortino inespugnabile, visto che dovranno ospitare in casa gli scontri salvezza con Vicenza e Como (all’ultima giornata) e, di conseguenza, in quelle partite i granata, con l’aiuto del pubblico amico, devono partire già dall’1-0, almeno mentalmente.

Allargando lo spettro, non possono possono dormire sonni tranquilli nemmeno Latina, Ascoli, Modena e Ternana (le squadre che hanno tra i 34 e i 36 punti in classifica), soprattutto in considerazione del fatto che sono (eccezion fatta per la Ternana) tutte compagini con cui la Salernitana deve ancora incrociare i guanti di sfida da qui al termine della regular season (in casa con Latina e Modena, fuori con l’Ascoli così come con la Pro Vercelli). Eccezion fatta per Perugia (fuori casa), Bari (in casa), Novara (fuori casa) e Cagliari (ancora in trasferta), gare in cui comunque la Salernitana dovrà cercare di fare risultati, le altre 8 partite possono essere considerate ragionevolmente tutte come scontri diretti. Vincere gli scontri diretti significa avere la possibilità concreta di mantenere la categoria, magari evitando anche la lotteria dei play out. A partire da quello di sabato col Lanciano.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.