Il Presidente Ravera scrive a medici provincia Salerno: ‘’Osservare norme in attesa che vengano modificate’’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

bruno_raveraIl Decreto Ministeriale 9 dicembre 2015, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 20 gennaio 2016, sulla cosiddetta appropriatezza prescrittiva, ha gettato nel caos l’assistenza sanitaria nel nostro Paese. In poche parole, il cittadino che desideri fare degli accertamenti richiesti da uno specialista, non può farli a carico del servizio sanitario nazionale se non rientrano tra quelli consentiti. Vale per le analisi di laboratorio, vale per gli esami radiologici tipo Risonanza magnetica nucleare, Tac e altro.

Al cittadino che chiede un farmaco o un esame non previsto, il medico opporrà un rifiuto perché la normativa non glielo consente

Se lo prescrive, perché intenerito o minacciato, ne risponde anche patrimonialmente.

“Giusto o sbagliato che sia – dice il Presidente Ravera – lo vedremo nel merito e ci domanderemo perché una disposizione così rivoluzionaria rispetto al costume corrente (in cui vi sono indiscutibilmente esagerazioni e sprechi) non venga spiegata ai cittadini attraverso i vari canali mediatici, in modo che essi siano informati delle novità.

Vi è un problema di metodo e di merito.

Per il metodo: non si possono emanare norme restrittive che precludono al medico di medicina generale, pena gravi penalizzazioni, di prescrivere accertamenti diagnostici o farmaci non previsti da apposite tabelle predisposte dal Ministero della Salute, calandole dall’alto improvvisamente.

Nel merito: le restrizioni imposte sono a dir poco deliranti, messe a punto da persone che non hanno mai visitato un malato. E questo è tanto vero che il Ministro Onorevole Beatrice Lorenzin ha convocato i vertici della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici e i Sindacati Medici e al termine dell’incontro è stato predisposto un documento che in sei punti riassume i termini del problema con l’impegno di apportare significative modifiche”.

 

L’Ordine dei Medici di Salerno, in attesa di questi positivi sviluppi, ha inviato una lettera a tutti i medici, ricordando i doveri della deontologia e della solidarietà interprofessionale, in quanto le norme deprecate fino a che non saranno modificate debbono essere osservate da tutti i medici, gli ospedalieri gli universitari gli specialisti ambulatoriali e quelli accreditati (comprese le cliniche private).

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.