Comportamenti sbagliati durante terremoti e alluvioni causano il 50 per cento dei morti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
fiune_alluvione“In 7 anni le iscrizioni a Geologia sono aumentate del 200% . Abbiamo triplicato il numero di immatricolazioni ma contemporaneamente è dimezzato invece il numero dei docenti”. Lo ha affermato oggi Sandro Conticelli , Presidente Nazionale dei Corsi Universitari in Geologia , intervenendo alla conferenza stampa dei geologi svoltasi alla Stampa Estera con una partecipazione massiccia dei media internazionali. “Nello stesso periodo , dal 2008 ad oggi , abbiamo registrato nelle Università italiane – ha proseguito Conticelli – una decrescita delle Scienze della Terra del 15 % . Inoltre sono triplicati gli studenti in Geologia ma registriamo una forte diminuzione di iscrizioni all’Ordine”.

In Italia però non ci facciamo mancare nulla “con ben 480.000 frane delle 700.000 esistenti in Europa . C’è oggi l’esempio della Costiera Amalfitana  – ha dichiaratoFrancesco Peduto , Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi da appena 3 mesi – dove abbiamo tutti e tre i georischi . In Costiera abbiamo il rischio idrogeologico, il rischio sismico ed il rischio vulcanico”. Importante l’annuncio di Peduto : “i geologi il 5 Aprile saranno a L’Aquila” . In sala presente anche la stampa giapponese .“Siamo abituati a vedere i giapponesi calmi durante un terremoto – ha proseguito Peduto – mentre in Italia il 50% delle vittime è causato dai comportamenti sbagliati assunti dalle persone durante l’evento”.

 

Dura la denuncia del Presidente dell’Ordine dei Geologi della Campania Francesco Russo  . “Parliamo sempre e solo di emergenze in Italia  per le quali  ,solo negli ultimi decenni abbiamo speso ben 61 MLD  di euro –ha dichiarato Russo – ma le emergenze forniscono l’opportunità di non garantire le tutele in materia di trasparenza”.    Il 2016 sarà per i geologi l’anno del Congresso Nazionale in programma a Napoli dal 28 al 30 Aprile con briefing stampa nel cuore dei Campi Flegrei .

 

In Italia ben 35.000 beni culturali minacciati dal dissesto idrogeologico

“ Per contare di più nasce il Tavolo delle Geoscienze , un alleanza tra le società del settore.  In Italia abbiamo circa 35000 beni culturali esposti a rischio frane. Moltissimi  beni culturali sono stati danneggiati  nei soli terremoti dell’Umbria  – MARCHE , Molise – Puglia , Abruzzo ed Emilia – Romagna . Più di 7.000.000 di italiani  – ha affermato Vincenzo Morra del Dipartimento di Scienze della Terra della Federico II di Napoli – sono in aree ad elevato rischio idrogeologico e poi ci sono edifici pubblici come ospedali e scuole in aree ad elevato rischio sismico ed idrogeologico” .

 

Il 7 Aprile però i geologi saranno proprio in Costiera Amalfitana nel Comune di Minori per dare l’opportunità di vedere i georischi osservati dallo spazio , grazie all’astronauta , il maggiore Luca Parmitano . Alla convention parteciperà il Presidente della Società Geologica Italiana , Elisabetta Erba .

 

 

I 13 SINDACI DELLA Costa d’Amalfi contro le trivellazioni

 

“Tutti e 13 i sindaci della Costa d’Amalfi si dichiarano contro le trivellazioni” . Lo ha dichiarato il sindaco di Minori , Andrea Reale , alla stampa internazionale presentando il piano antidissesto in Costiera  .

 

Il sindaco di Minori ha presentato alla stampa straniera il piano anti dissesto

 

“L’81,1% dell’intero territorio comunale di Minori è interessato da livelli di pericolo/rischio elevato o molto elevato da frana o da colata. Tale percentuale – ha dichiarato Reale –  sfiora il 100% se andiamo a considerare le sole aree urbanizzate”.

Il Comune di Minori sulla mitigazione del rischio idrogeologico è disposto ad investire tutte le risorse necessarie  – ha proseguito Reale  – siamo disposti anche ad un mutuo qualora la Regione non dovesse aiutarci un importante progetto di monitoraggio che il Comune di Minori metterà in campo. Oggi abbiamo presentato alla stampa il sistema di monitoraggio strumentale che metteremo in campo a Minori Si tratta di un sistema  di preallertamento esteso a tutto il bacino di riferimento che facendo ricorso alle tecnologie più appropriate, consentirà di monitorare costantemente il fenomeno ed, in caso di necessità, lanciare in tempo utile l’allarme alla popolazione; l’esecuzione di  un vasto programma volto alla realizzazione di interventi strutturali e non strutturali per la mitigazione delle condizioni specifiche di pericolo e, soprattutto, per l’esecuzione degli indispensabili interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria del territorio, il miglioramento della vulnerabilità degli edifici direttamente esposti agli impatti da eventi calamitosi ed il coinvolgimento della popolazione e social learning. Il cittadino sarà la prima sentinella di questo sistema”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.