Rapinarono cellulari e soldi a due giovani, altri arresti dei Falchi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
falchi-salerno_polizia_3I poliziotti della Sezione Falchi della Squadra Mobile hanno arrestato, ieri sera, anche i due complici che, insieme al 23enne di Sarno, già sottoposto a fermo di indiziato di delitto il 12 marzo scorso, avevano rapinato due adolescenti in Piazza della Concordia a Salerno, sottraendogli, sotto la minaccia delle armi, i telefoni cellulari. Si tratta di due giovani di Sarno, rispettivamente di anni 19 e 21. Le risultanze delle meticolose indagini degli agenti della Polizia di Stato, avviate immediatamente dopo il fermo del 23enne, avvenuto nella serata di sabato scorso, mentre quest’ultimo tentava di rientrare a Sarno prendendo un treno presso la stazione ferroviaria di Salerno, hanno consentito al Gip presso il Tribunale di Salerno, su richiesta della locale Procura della Repubblica, di emettere i provvedimenti cautelari.

In particolare, nel corso di due perquisizioni sono stati trovati i telefoni cellulari rapinati agli adolescenti ed è stata recuperata, anche grazie alla collaborazione degli agenti della Polizia Ferroviaria di Salerno, l’arma utilizzata per la rapina, una pistola tipo replica priva del tappo rosso, rinvenuta nei pressi della stazione ferroviaria. L’efficienza degli investigatori della Squadra Mobile, che sono intervenuti con la massima tempestività a seguito del reato, ha permesso di ricostruire l’esatta dinamica della rapina, frutto di un piano ordito dai tre complici che erano giunti a Salerno con l’intenzione di perpetrare una rapina ognuno con una mansione ben precisa.

Il 23enne aveva il ruolo di esecutore materiale, mentre gli altri due dovevano operare da mandanti nell’individuare la vittima e uno di loro aveva anche il compito di procurare la pistola giocattolo e di disfarsene dopo il compimento del reato. Quest’ultimo, in particolare, che nell’immediatezza dei fatti era riuscito a dileguarsi prima dell’arrivo dei “Falchi”, è stato successivamente rintracciato presso la sua abitazione a Sarno dove, a seguito della perquisizione, è stato trovato il telefono cellulare di una delle due vittime.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Finalmente La giungla di Salerno si sta ripopolando dei pregiatissimi Falchi che ripuliscono l’area da questi predatori.Darei volentieri ai Falchi doppia razione di cibo e doppio dello stipendio.Sono stupendi quando beccano i predatori.

  2. In passato ero contrariato dai modi brutali di questi operatori, ora penso che siano necessari, anzi se creano un corpo identico di persone che sanno bottare le mazzate, e li mettono non solo per gli scippi, ma esclusivamente per extracomunitari parcheggiatori e venditori abusivi molesti, l”Italia fà un passo in avanti in materia di sicurezza dei cittadini!
    Meglio pochi e buoni che tanti e male!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.