Tino Iannuzzi (PD) presenta una nuova interrogazione su riforma Porti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
iannuzzi_foto_facebookTino Iannuzzi, Deputato salernitano del PD, ha presentato una nuova articolata Interrogazione al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Del Rio, al fine di riaffermare il ruolo centrale e vincolante delle  Regioni nella Riforma in corso del sistema portuale italiano. Con questa ulteriore iniziativa parlamentare Iannuzzi ha posto in evidenza  con forza che la materia dei porti, in tutta la sua estensione e portata legislativa, rientra nella competenza concorrente e ripartita fra Stato e Regioni, come ha indicato la Corte Costituzionale nella recente sentenza n. 261/2015.

L’Intesa del Ministero con ciascuna Regione è insostituibile e giuridicamente necessaria non solamente per il Piano della Portualità e della Logistica – come pure ha sostenuto il Ministero delle Infrastrutture con il  Sottosegretario Del Basso de Caro in risposta ad una precedente Interrogazione di Iannuzzi nella seduta della Commissione Trasporti dello scorso 24 febbraio- ma pure ed allo stesso modo per lo schema di decreto legislativo per la riorganizzazione del sistema portuale e per la creazione delle nuove Autorità di Sistema,  previsto dalla Legge di delega c.d. Madia, che parimenti riguarda la materia dei porti oggetto di competenza legislativa sia dello Stato sia delle Regioni.

Il meccanismo delle intese, quindi, deve riguardare, unitariamente e senza alcuna ingiustificata distinzione, sia il Piano Nazionale della Portualità,  sia la riforma della Governance. Solo con le intese non viene violato il principio basilare, costituzionalmente rilevante,  della leale collaborazione fra Stato e Regioni. La Corte ha potuto affermare espressamente questo principio per la normativa sul Piano della Portualità e non già per quella della Delega Madia, unicamente perché solo la prima e non già la seconda è stata sottoposta al suo giudizio. Ma  non c’è’ dubbio che la ratio del principio è identica e si applica anche alla riforma delle Autorità’ portuali.

Questa posizione è stata  assunta dal  Coordinamento Nazionale degli Assessori regionali alle Infrastrutture e Trasporti,  presieduto da Fulvio Bonavitacola. Del resto solo il coinvolgimento pieno e vincolante delle  Regioni, che  hanno profonda conoscenza della realtà dei diversi Territori, può condurre a decisioni utili e equilibrate, evitando soluzioni sbagliate ed affrettate, quale appunto la istituzione in Campania di una sola Autorità di Sistema, così come il Presidente della Regione De Luca ha già indicato al Ministro Del Rio.

In questa ottica vanno scongiurate in Campania  operazioni di accorpamento  delle Autorità portuali,  che non possono essere giustificate dall’automatico ed irragionevole riferimento alle Reti Ten ed ai Porti Core e che non servirebbero ne’ al porto di Salerno, né tantomeno a quello di Napoli. In questa ottica, l’unica che può soddisfare l’interesse pubblico alla buona amministrazione, debbono, invece, essere tutelate e valorizzate realtà positive ed efficienti, come quella del Porto di Salerno, ben governate ed in  continua e significativa crescita per tutti gli indici produttivi (traffico merci e container; traffico passeggeri e crocieristico; volume delle entrate annuali; capacità di spesa e di utilizzazione tempestiva ed efficace delle risorse nazionali ed europee per investimenti infrastrutturali ed opere portuali).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.