Appello pensionati Cisl Salerno a Joseph Polimeni, commissario regionale Sanità

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
bandiere-cgil-cisl-uil“Siamo contenti che gli ospedali in provincia di Salerno non chiuderanno, ma devono essere funzionali. Altrimenti sono cattedrali vuote”. Così Giovanni Dell’Isola, segretario generale della Fnp Cisl Salerno, replica alle affermazioni del commissario regionale della Sanità, Joseph Polimeni, in visita al “Ruggi” di Salerno nei giorni scorsi. “Le parole di Polimeni ci fanno ben sperare, ma gli annunci non bastano. Ne abbiamo sentiti troppi in questi anni”, ha continuato Dell’Isola. “Bello è che gli ospedali non chiudano, ma parliamo del pagamento delle prestazioni presso le strutture private convenzionate ogni fine mese. Solitamente questo avveniva negli ultimi tre mesi dell’anno solare ed era un fatto già grave.

Adesso invece, con la nuova situazione, una volta esaurito il fondo stanziato per quella mensilità, il centro che avendo  avuto  una richiesta maggiore avrà “sforato” sarà costretto a far pagare le prestazioni agli utenti, per cui se una prenotazione cade in un giorno con il budget già esaurito il paziente dovrà fare una nuova prenotazione sperando che essa non ricada in un giorno con prestazioni a pagamento. Ci sarà la corsa ad assicurarsi la prestazione nei primi giorni di ogni mese. Dunque ci viene negato anche il diritto ad ammalarci in Campania. Per non parlare del decreto Lorenzin, che di fatto abolisce la medicina preventiva, secondo la quale è meglio prevenire che curare, cosa che consentirebbe maggiori risparmi con un’assistenza più qualificata. E’ la negazione di quanto i medici sostengono da sempre. Ora chi vorrà sottoporsi alle prestazioni incluse nell’elenco le potrà ottenere solo in certi casi a carico del servizio sanitario: se non ricorrono le condizioni elencate nel documento del ministero, dovrà pagare di tasca propria.

Ecco, ben venga che gli ospedali non chiudano ma a cosa servono aperti se ci sono queste leggi?”. Altro nodo drammatico è quelle delle liste d’attesa: “C’è da aspettare  4 mesi per una ecografia ecodoppler, anche prenotata con strutture convenzionate con il Servizio sanitario nazionale. In provincia un pensionato su due persone rinuncia a curarsi, perché non riesce a sostenere i costi per curarsi a causa delle pensioni troppo basse che per l’80% nella nostra provincia sono inferiori ai 1000 euro. Questo Polimeni deve saperlo. Da lui vogliamo, oltre agli ospedali, un’assistenza certa e garantita a costi accessibili”.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.