Fondi Ue: De Luca,revoca finanziamenti a chi non sa spendere

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
de_luca_regione_nuova“Le statistiche delle ultime ore ci dicono che la Campania è l’ultima regione d’Europa insieme a una della Bulgaria e infatti abbiamo bruciato sostanzialmente 3 miliardi di risorse dei vecchi programmi europei.

Ora il nostro obiettivo è utilizzare tutto, fino all’ultimo euro disponibile, e dotandoci di una capacità di progettazione e amministrativa di livello superiore”. Lo ha detto il,presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca a margine della presentazione del programma di investimenti Por Fesr 2014-2020 in corso a Napoli.

“Il percorso che abbiamo fatto con questo ultimo Por – ha spiegato De Luca – va nella direzione della sburocratizzazione radicale delle procedure, per mettere i Comuni in condizione di progettare, tramite un fondo di rotazione. Ma controlleremo tutto con rigore, ossessivo. Chi non è capace di spendere avrà la revoca dei finanziamenti. Questa è un’occasione unica per creare lavoro e non possiamo perderla”.

“Fra le tante eredità positive che riceviamo c’è anche questa, non abbiamo chiuso ancora il Por 2000 – 2006, quindi l’ unione europea ci chiede la restituzione di 300 milioni di euro. Abbiamo aperto una contrattazione e spiegheremo agli amici di Bruxelles che questo è l’anno della misericordia di Papa Francesco”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca a margine della presentazione del programma di investimento dei fondi Ue 2014-2020.

Proprio partendo dalla richiesta di restituzione di 300 milioni da parte dell’Ue per progetti non chiusi della programmazione di dieci anni fa, De Luca ha sottolineato lo sforzo della Regione sul finale del ciclo 2007-2013: “A luglio del 2015 – ha detto – eravamo ancora al 33 per cento dei pagamenti, abbiamo dato l’anima negli ultimi mesi dell’anno scorso per rendicontare fino al 92 per cento. Contemporaneamente abbiamo approvato il Por e il Piano di Sviluppo Rurale che ci era stato rimandato. Credo che l’Unione Europea possa apprezzare questo sforzo e regolarsi rispetto alle partite che abbiamo ereditato. Andiamo avanti dandoci una griglia di controllo, controlleremo in maniera ossessiva i tempi di consegna e realizzazione delle opere”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.