Ecco come pagheremo il canone RAI (di Luca De Franciscis)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
RAI_CanoneCi stavamo chiedendo come si pagherà il canone della RAI ed eravamo in attesa del provvedimento che ne regolamentasse l’applicazione nella bolletta dell’ENEL.

Il decreto attuativo del 17 marzo 2016, anche se con un po’ di ritardo rispetto ai tempi previsti, fornisce istruzioni (ma ne occorreranno altre) su chi deve pagare e come deve pagare. Sono statti regolamentati anche i casi che riguardano i soggetti esonerati, chi ha pagato erroneamente e ha diritto al rimborso e le modalità di pagamento.

Vengono dissipati alcuni dubbi che avevano generato incertezze e preoccupazione in molte famiglie.

Il canone scende a 100 euro e si pagherà, con distinta voce, con la bolletta elettrica in 10 rate mensili. Per il 2016 il primo addebito in bolletta ENEL avverrà nella prima fattura successiva al 1 luglio 2016. Poi a regime e per il prossimo anno 2017, il canone sarà addebitato sempre nella bolletta ENEL e spalmato in 10 rate da gennaio ad ottobre. Viene chiarito che il mancato pagamento del canone non comporterà il distacco dell’energia elettrica.

In Campania solo i comuni di Capri e Anacapri non pagheranno il canone con addebito nella bolletta ENEL, ma pagheranno con il tradizionale bollettino postale, perché l’isola di Capri dispone di una produzione autonoma non allacciata alla terraferma. Il canone di 100 euro sarà pagato, in un’unica soluzione entro il 31 ottobre 2016, con il bollettino postale che sarà recapitato a domicilio come per il passato (sono 20 le isole non allacciate alla terraferma).

Ovviamente è esonerato dal pagamento del canone chi non possiede l’apparecchio televisivo e sono esonerati anche i soggetti che hanno compiuto i 75 anni d’età a condizione che il reddito familiare non superi gli 8 mila euro lordi annui.

Per beneficiare dell’esenzione sarà necessario darne comunicazione all’Agenzia delle Entrate entro il 30 aprile di ogni anno, a mezzo raccomandata a.r. all’indirizzo: “Agenzia delle Entrate, Direzione Provinciale 1, Sportello Sat, Corso Bolzano n, 30, 10121 Torino”, oppure scrivendo con posta certificata a: DP.1TORINO@PCE.AGENZIAENTRATE.IT.

Vanno tenuti presenti i diversi casi che si possono presentare, per non duplicare il versamento. Tra questi un esempio: uno dei due coniugi è intestatario del contratto ENEL e l’altro è intestatario del canone RAI. Sarà necessario comunicarlo entro il 30 aprile prossimo.

Per coloro che pagano la bolletta del canone RAI per sbaglio, o si accorgono di poter rientrare tra i soggetti esonerati, sarà necessario chiedere il rimborso dell’importo pagato erroneamente, che sarà restituito con la prima bolletta utile, emessa dal momento in cui viene fatta la richiesta.

L’intestatario del canone RAI – non intestatario di alcun contratto di energia elettrica e svincolato da altre utenze, deve invece versare entro ottobre il canone RAI, come sopra indicato, mediante bollettino (versamento unico da 100 euro).

Da una prima lettura si rileva che sono necessarie altre informazioni per permettere ai cittadini di poter assolvere a questa nuova modalità di riscossione del canone senza incorrere in sanzioni, e attendere i facsimili dei modelli (autocertificazioni ecc.) che possano essere da guida per le varie casistiche.

Ulteriori approfondimenti sul SITO: http://www.canone-rai.it/ e poi cliccare su Decreto Attuativo.

 Luca De Franciscis

 dottore commercialista

www.studiodefranciscis.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. vi rendete conto dell’assurdità PRATICA di quello che ha creato Renzi con il suo Governo??

    Secondo questi signori non eletti da nessuno io dovrei inviare una raccomandata (5€+il tempo perso) ogni anno per dire che il mio contatore condominiale delle scale E quello del garage non devono essere addebitati per il canone TV? e non solo, dovrei compilare manualmente un bollettino estrapolando, di fatto arbitrariamente, una parte di quanto presente in fattura??? e tutto questo legato al possesso, di fatto indimostrabile, di un apparecchio che può ricevere un segnale TV!
    quindi secondo loro pure un decoder senza TV dovrebbe pagare il canone!..
    e chi ha il RID cosa fa, chiama in banca o invia pacchi di documenti per comunicare e dimostrare che non deve pagare???

    ma sono coscienti della mostruosità, burocratica soprattutto, che hanno creato??

    Immagino quanti anziani pagheranno in più perchè non capaci di fare questi giochetti truffaldini.. ma anche chi ha il RID e non ha molti problemi economici, piuttosto che perdere tempo con queste cose lascerà le cose come sono.. e poi dicono che il truffatore-evasore è il cittadino.

    Quello che mi fa paura è l’assopimento generale contro questo governo.. mi ricorda gli ebrei nei campi di concentramento, i quali sapevano di essere destinati alla morte e alle torture ma che, sebbene controllati da pochissimi soldati in proporzione al loro numero, facevano poco o nulla per ribellarsi..

    Dove sono tutti i protestanti colorati di professione che ad ogni rutto di Berlusconi erano pronti a scendere in piazza urlando alla dittatura???

    La mia soluzione? semplice: la TV è un servizio pubblico? SI! Quindi si abbassa tipo a 10€, magari pure in bolletta (tutte), e cosa fondamentale si SVINCOLA dal possesso dell’apparecchio, semplice! (togliendo la pubblicità però..)

    A chi dice che non vuole pagare per qualcosa che non usa rispondo che anche le strade, le luci, le scuole e gli ospedali non li usa, ma li paga lo stesso! mica dice “io no esco di casa quindi non pago per le strade pubbliche”!?

  2. Mi chiedo chi a meno di 75anni e reddito idee inferiore secondo questi saggi lo deve pagare

  3. Che razza di str…..a.Per me si deve protestare non pagando. Ma poi che ti offre la Rai?il migliore è sempre il modello Mediaset. Ma tutta la vita. Gli “amici” di sinistra che hanno cacciato Berlusconi la guardano Mediaset? Per forza non si paga. ACCATTONI E PAPPAGALLI COME RENZI.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.