Legambiente: Fonderie Pisano, Pm10 sono 8 volte superiori che in altre zone città

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa
fonderie_pisano_salerno“Nell’area delle Fonderie Pisano, a Salerno, i valori di Pm10 sono anche otto volte superiori a quelli registrati in altre zone della città”: è quanto emerge dal monitoraggio scientifico presentato questa mattina da Rossella Muroni, presidente nazionale di Legambiente; Michele Buonomo, presidente Legambiente Campania e Elisa Macciocchi, presidente circolo Legambiente Salerno, alla presenza di Gerardo Calabrese, assessore all’Ambiente del Comune di Salerno. Sul fronte dell’inquinamento acustico i decibel registrati superano quasi sempre i limiti imposti dal piano comunale. È questa la fotografia scattata dal Treno Verde, la campagna di Legambiente e del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, che in questi giorni ha fatto tappa a Salerno.

“Nonostante pioggia e vento, condizioni che di norma aiutano a disperdere gli inquinanti, – spiega Michele Buonomo – i dati registrati dai nostri tecnici confermano una criticità molto elevata nella zona industriale nei pressi delle Fonderie Pisano. Una situazione già monitorata con attenzione dall’Arpac e che ha fatto registrare dall’inizio dell’anno ad oggi 10 superamenti dei valori limite previsti dalla legge.

Le Fonderie Pisano non rappresentano più un problema tecnico ma di decisione politica. Èormai accettata l’ineluttabilità della delocalizzazione, perché quell’area è ormai è parte integrante del tessuto urbano. Ètempo di risolvere definitivamente questa vertenza nell’interesse della collettività e della salute pubblica”.

La situazione non migliora in altre parti della regione che resta sotto la morsa dell’inquinamento atmosferico. Secondo i dati della campagna di Legambiente “Mal’Aria”, molte città sono già oltre il 50% del limite dei 35 giorni annui di superamento. Sparanise è già fuori legge con 39 superamenti; San Vitaliano è a 34, poi San Felice a Cancello (20); Pomigliano d’Arco (20), Benevento (18); Avellino (17), Napoli (17). È indispensabile – aggiunge Buonomo – che la Regione adotti al più presto un Piano per la mobilità urbana, dotato di risorse economiche, obiettivi misurabili e declinabili”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. adesso devono fare altri danni come alle chiancarelle.

    Meglio le fabbriche che gli speculatori politici

  2. x chi è Legambiente

    Perché non eviti di dire fesserie con la bocca prezzolato e ignorante che non sei altro

  3. Bah, speriamo che per le analisi “ufficiali” e la risoluzione del PROBLEMA non ci siano altri “ritardi” politici che stanno facendo morire la gente e i lavoratori!!!

  4. meglio morire solo di sigarette (che può vendere solo lo Stato…) meglio morire solo di cibi adulterati, importati e sofisticati, di agricoltura contaminata dalla chimica, di melanzane zucchine e pomodori contaminati nelle serre 360 giorni l’anno, meglio morire solo di auto “ecologiche” , di PM tanto sottili che non cadono neanche a terra, ma futtuano nei ns polmoni, meglio morire solo di edilizia contaminata e di asfalti stradali fatti con amianto e scorie radioattive, meglio morire sani….senza le fonderie!

    cavalluccio di mare

  5. Finalmente dati seri venite a vedere la nuova cabina di rilevazione polveri sottili e altro che e stata sostituita alla vecchia alle spalle della scuola elemantare o.conti a fratte per chi non si ricorda la vecchia con 3 o meno sonde esterne la nuova e molto bella da vedere e conta almeno piu di 9 sonde ….uaaaaaaa mo si che si sapra’ la verita .

  6. … per creare indignazione pubblica.

    Demolire le case e trasferire l’ILVA a Fratte dopo lo scempio dei palazzinari.

  7. e la delocalizzazione delle fonderie chi la paga?scusate tanto ma io quando cercavo casa fratte l’ho scartata per inquinamento e traffico, le fonderie se non sbaglio ci saranno da un secolo: facile andare li ad abitare e poi dire toglietela che inquina l’aria…nessuno che pensa che una volta tolta arriverà come arriva già ora l’inquinamento delle migliaia di macchine che attraversano l’autostrada, dopo cosa chiederanno di spostare anche quella?

  8. ma che gli parli a fare…qua si lamentano sempre gli stessi….gli stessi che hanno costruito abusivamente e poi hanno condonato una, due, tre….

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.