Il modello per non pagare il canone Rai (di Luca De Franciscis)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
RAI_CanoneL’atteso modello di dichiarazione sostitutiva per non pagare il canone Rai è stato pubblicato il 24 marzo 2016.

Con detto modello sarà possibile comunicare le proprie utenze Enel e chiarire i casi in cui non sarà dovuto il canone Rai. Allo stato vi è una presunzione di detenzione di apparecchio televisivo, nel luogo di residenza anagrafica con allaccio Enel.

Per vincere la presunzione e non pagare il canone Rai anche su altri contratti Enel intestati alla stessa persona, si dovrà dimostrare, con l’apposito modello di dichiarazione sostitutiva, che non va addebitato il canone anche su quell’altra posizione o a nome di persone conviventi, sempreché ne sussistano i presupposti.

Uno dei casi che possono capitare potrebbe essere quello in cui il canone non dev’essere addebitato in nessuna delle utenze elettriche intestate al dichiarante perché la bolletta elettrica è intestata ad altro componente della stessa famiglia anagrafica, che già paga il canone rai.

Il titolare di utenza Enel per uso domestico, che ritiene di non dover pagare il canone su altri allacci Enel, potrà spedire, o inoltrare a mezzo posta elettronica, il modello di dichiarazione sostitutiva, approvato dall’Agenzia delle Entrate, per autocertificare che non detiene un televisore.

La dichiarazione sostitutiva potrà essere necessaria anche per correggere una precedente posizione Rai, di cui non si è più direttamente intestatario o per contratti Enel intestati a persone decedute. In questa prima applicazione del nuovo sistema di pagamento del canone, è prevedibile che non saranno poche le dichiarazioni che saranno trasmesse e potrà esser utile, dopo aver riflettuto sulla propria posizione, predisporre la propria dichiarazione sostitutiva con attenzione e in tempo utile, senza ridursi agli ultimi giorni, stante il breve tempo a disposizione.

Il termine per quest’anno (2016), è fissato al 30 aprile per le spedizioni a mezzo posta raccomandata A/R. Se invece la si trasmette a mezzo posta elettronica il termine scade il 10 maggio 2016.

Se ci si dimentica di inoltrare la dichiarazione sostitutiva entro il 30 aprile ma la si presenta in ritardo entro il 30 giugno 2016 la dichiarazione, predisposta per comunicare che non è dovuto il canone Rai, non potrà essere considerata valida anche per il primo semestre, e nella bolletta Enel verrà addebitato quanto dovuto per i mesi da gennaio a giugno. La dichiarazione tardiva esplicherà i suoi effetti solo per il secondo semestre da luglio a dicembre.

Per quest’anno le rate del canone Rai arriveranno in bolletta Enel a partire dal mese di luglio e saranno quelle dei primi sei mesi, indicate con apposita e distinta voce nella bolletta e l’ammontare sarà di 60 euro.

Fintantoché rimarrà questo regime transitorio la dichiarazione sostitutiva dovrà essere rinnovata anno per anno.

Le dichiarazioni inoltrate a mezzo Poste Italiane, in plico raccomandato, senza busta con allegato documento di riconoscimento in corso di validità, andranno indirizzate a: Agenzia delle entrate –  Ufficio Torino – 1 Sportello abbonamenti TV – Casella postale 22 – 10121 Torino o anche inoltrate mediante una specifica applicazione web, disponibile sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate, utilizzando le credenziali Fisconline o Entratel, rilasciate dall’Agenzia delle Entrate. L’inoltro potrà essere fatto anche da intermediari abilitati che saranno tenuti a conservare gli atti di trasmissione per 10 anni.

Non mancheranno i controlli, specialmente per coloro che avranno presentato la dichiarazione sostitutiva. L’Agenzia delle Entrate potrà effettuare accertamenti sulla veridicità delle certificazioni presentate e procedere per le false certificazioni (ai sensi del codice penale) oltre che addebitare il dovuto con sanzioni. Non sono esclusi ulteriori controlli su chi già detiene un televisore e non ha mai pagato il canone.

Per approfondimenti su quanto disposto dal direttore dell’Agenzia delle Entrate il riferimento è la disposizione prot. N. 45059 del 24-03-2016, altre notizie sul sito www.canone.rai.it e cliccare su “dichiarazione di non possesso tv per uso privato”.

Per scaricare le istruzioni e il modello di dichiarazione sostitutiva andare sul sito: http://www.agenziaentrate.gov.it/ e poi a sinistra sotto la voce “canone rai”, cliccare.

 

Luca De Franciscis

Dottore commercialista

www.studiodefranciscis.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.