Sicurezza, sicurezza (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

cosimo risiA leggere di vertici straordinari che annunciano misure straordinarie, il pubblico è comprensibilmente frastornato. Nel 2001, dopo il famigerato 11 settembre, gli Occidentali dichiarano la guerra al terrore per accorgersi, un decennio dopo, che il terrore dichiara guerra all’Occidente.

Quella che doveva essere un’offensiva da portare nei santuari del terrorismo (Afghanistan e Iraq) si è trasformata in guerra di trincea. Noi qui ad aspettare il prossimo attacco, giocando sulle probabilità che non si scateni proprio a casa nostra ma semmai a casa del vicino, tanto è pronta la catena della commozione e della solidarietà.

Una consapevolezza si fa strada: sicurezza interna e sicurezza esterna sono complementari.  Gli indizi sono così numerosi e convergenti che diventano prova. I profughi arrivati o in arrivo provengono  in prevalenza da Afghanistan, Siria, Iraq, Libia. Guarda caso da paesi che da anni vivono guerre civili a dichiarata matrice religiosa e per il controllo delle risorse (Libia, Iraq). Se non si prosciuga la fonte, la corrente ci travolge. Se non si pacificano i paesi, o almeno s’impone una tregua durevole fra i belligeranti, la popolazione è spinta a muoversi in direzione Europa. I flussi vengono anche da più lontano: dall’Africa nera e dal Corno d’Africa, dove pure guerre e miseria dettano legge, ma trovano facile accesso all’Europa perché gli stati costieri (Libia) sono del tutto permeabili se non complici.

Gli attentatori di Bruxelles, come quelli di Parigi, sono cittadini europei, alcuni di loro hanno maturato un’esperienza sul campo addestrandosi nel territorio controllato dal Califfato. Alcuni sono combattenti esteri (foreign fighters) di ritorno. Tutti hanno maturato un’avversione profonda per il paese che li accoglie e nel contempo li esclude dal circuito del benessere. Manca loro lo “standing”, un’espressione  belga che indica il rango sociale. Se diventassero dirigenti di qualche azienda, o almeno aspirassero in concreto a diventare tali, sarebbero ostili alla società di accoglienza? Il dilemma si pone: integrazione o distinzione. Integrare significa  praticare una forma di egemonia culturale: tu stai in Occidente e ne recepisci i principi di fondo. Distinguere significa che riproduci qui il bozzolo di usi e costumi di un paese che conosci a malapena e dove comunque non andresti per mancanza di prospettive.

Gli attentati ci mettono di fronte alla tragedia delle vittime ed agli interrogativi profondi. Interrogativi sulla nostra natura di civiltà che pretendono di avere lasciato alle spalle le rimembranze della guerra e  si trovano a combattere senza volerlo e spesso senza saperlo.

La prima reazione, al di là dell’emergenza, sta nella ricucitura dei due momenti: della sicurezza interna con la sicurezza esterna. Sta nell’armonizzare le risposte nazionali in risposta europea. Nessuno può onestamente pensare di farcela da solo.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.