Antiterrorismo: Cardiello (FI) chiede l’esercito nella Piana del Sele

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
esercito“Dopo il recente arresto nel Comune di Bellizzi e le notizie di un collaboratore dell’algerino, attualmente ricercato, presente nella Piana del Sele ho richiesto un intervento celere ed immediato al Ministro dell’Interno”. E’ quanto dichiara il senatore di Forza Italia Franco Cardiello. Nell’interrogazione parlamentare inviata ai Ministri dell’Interno e della Difesa, Cardiello ha focalizzato l’attenzione sulla Città di Eboli, “dove – a suo dire nella nota – regna una grande indifferenza degli amministratori locali. In particolare ho richiesto l’immediato sgombero dell’ex opificio Apoff, dove risiedono circa 70 stranieri e controlli a tappeto nelle zone di Campolongo e Santa Cecilia, dove sono sorte anche moschee abusive”.

“La vigilanza e la prevenzione sono le parole d’ordine in questo momento e anche per tali motivi ho richiesto l’intervento dell’Esercito – prosegue Cardielo – Infine, auspico che vi sia un serio e minuzioso censimento su tutto il territorio a Sud di Salerno perchè quello a macchia di leopardo messo in atto, solo da alcuni Comuni della Piana del Sele, non aiuta le forze dell’ordine ad avere un quadro definito e perimetrato del problema immigrazione”.

QUESTA L’INTERROGAZIONE DI FRANCO CARDIELLO. La Piana del Sele è una vasta pianura che si estende a sud della città di Salerno e interessa il territorio di 11 comuni: Albanella, Altavilla Silentina, Battipaglia, Bellizzi, Campagna, Capaccio, Eboli, Montecorvino Pugliano, Olevano sul Tusciano, Pontecagnano Faiano, Serre. Tale area geografica è caratterizzata dalla presenza di un settore primario particolarmente sviluppato che è quello agricolo, vivaistico e dell’allevamento, caratterizzato da significativi livelli occupazionali di natura stagionale di immigrati i condizione di irregolarità;

i comuni con la più alta incidenza percentuale di popolazione straniera sono quelli di Capaccio, Eboli ed Albanella, in cui si registrano i livelli più alti di imprese ed occupati nel settore primario;

nelle rovine dell’ ex opificio Apof, sulla Statale 18, a pochi chilometri da Santa Cecilia, circa in 100, tra marocchini e algerini, di fede musulmana, vivono in condizioni di povertà e degrado estremo tra rifiuti pericolosi.  Più volte è stato chiesto  lo  sgombero dell’area per  ricollocare ove possibile gli immigrati che la vivono;

il 25 marzo scorso a Bellizzi in provincia di Salerno, cittadina della Piana del Sele, è stato arrestato il 40 enne algerino Djamal Eddin Ouali in esecuzione di un mandato d’arresto europeo emesso dalle autorità del Belgio il 6 gennaio scorso, per i reati di partecipazione a un’organizzazione dedita al falso documentale e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Ouali è accusato di essere implicato in una rete di falsari di documenti, utilizzata anche da terroristi implicati nelle stragi di Parigi e Bruxelles;

secondo alcune indiscrezioni, la polizia è sulle tracce di una seconda persona vicina a Djamal Eddine Ouali, che  lo avrebbe accompagnato di recente;

solo attraverso un censimento degli immigrati presenti nella Piana del Sele è possibile individuare tra questi quelli che effettivamente sono impegnati regolarmente nel lavoro stagionale del settore agricolo e quelli invece privi di occupazione che spesso sono coinvolti in azioni delittuose;

DETTO QUESTO CARDIELLO chiede di sapere se,  alla luce dell’arresto del terrorista algerino, non intendano, ciascuno per la propria competenza:

adottare iniziative per avviare un censimento delle presenze di extracomunitari nella Piana del Sele, in modo da avere un controllo efficacie del territorio;

prevedere l’intervento dell’Esercito soprattutto laddove vi sono strutture che accolgono irregolarmente gli immigrati, al fine di sgomberare le predette aree occupate abusivamente e effettuare un controllo del territorio così come avviene nell’ambito dell’ operazione “Strade sicure-Terra dei fuochi”.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Finalmente qualcuno si sveglia, speriamo però che questa interrogazione non rimanga lettera (anzi interrogazione) morta, e sopratutto si capisca l’urgenza di un intervento immediato dicasi IMMEDIATO prima che capiti qualche brutta sorpresa. E ci voleva tanto per capirlo e già da oltre un anno che da questo sito scrivo di quest’ argomento. Fate presto, prestissimo.

  2. non è necessario mandare la terza flotta e portaaerei per sorvegliare il territorio, bastano pochi ma efficienti, anzi se in borghese è meglio.
    da 20 anni nessuno si è preoccupato di disciplinare e controllare gli stranieri che abitano tra salerno e foce sele, oggi tutti fanno i maestrini, bravi. Vigilare con forze di polizia adeguate, istallare telecamere, dialogare con loro il più possibile e non emarginarli.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.