I fatti del giorno: mercoledì 30 marzo 2016

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Rassegna_fattiLA MAMMA DI REGENI, RICONOSCIUTO SOLO DALLA PUNTA DEL NASO
FAMIGLIA CHIEDE NOVITA’ PER IL 5 APRILE O REAZIONE GOVERNO

“All’obitorio l’ho riconosciuto soltanto dalla punta del naso”.
Così la madre di Giulio Regeni, Paola, ha raccontato ieri in
Senato il dramma di rivedere il cadavere straziato del figlio.
Paola e il marito Claudio hanno incontrato i giornalisti per
chiedere verità e giustizia sull’omicidio di Giulio.

“Non vi
dico cosa gli hanno fatto – ha aggiunto la madre -. Su quel viso
ho visto tutto il male del mondo”. I genitori hanno messo una
scadenza al 5 aprile per avere la verità dagli egiziani,
“altrimenti confidiamo in una risposta forte da parte del
governo”, hanno detto. Solidarietà è stata espressa da tutte le
forze politiche, con i Cinquestelle che chiedono il ritiro
dell’ambasciatore. Amnesty International ha chiesto alle squadre
di calcio di esporre uno striscione “Verità per Giulio” alle
partire del 23 e 24 aprile.
—.

TORNA LA PAURA NEI CIELI, DIROTTATO UN AEREO EGIZIANO
UN UOMO SOLO SI ARRENDE A CIPRO, NON E’ TERRORISMO

Un egiziano con problemi psicologici ha dirottato ieri su Cipro
un Airbus della Egypt Air, in volo tra Alessandria d’Egitto e il
Cairo con 81 passeggeri a bordo. Il dirottatore, Seif Eldin
Mustafa, 59 anni, con numerosi precedenti penali, ha tenuto il
mondo col fiato sospeso per ore sulla pista dell’aeroporto di
Larnaca, minacciando di far detonare una cintura esplosiva, che
in realtà era fasulla. L’uomo ha fatto richieste incoerenti, dal
rilascio di detenute a un colloquio con la moglie. Fra i
passeggeri sequestrati c’era anche un tecnico italiano, Andrea
Banchetti, ternano residente a Genova. Il dirottatore ha prima
liberato i prigionieri egiziani, poi dopo lunghe trattative si è
arreso ed è stato arrestato.
—.

‘FBI AVVERTI’ SU KAMIKAZE’, NUOVE POLEMICHE IN BELGIO
OLANDA ACCUSA, BRUXELLES NEGA. ALIBI PER CHEFFOU, ERA A CASA

L’Olanda avvertì il Belgio della pericolosità dei fratelli
Bakraoui, su segnalazione dell’Fbi americana, ma la segnalazione
passò inosservata. L’accusa è stata lanciata ieri dal ministro
della Giustizia olandese e subito respinta da Bruxelles, che
afferma “mai stati avvertiti”. E’ emerso un alibi per Faisal
Cheffou, il giornalista arrestato e poi scarcerato con l’accusa
di essere l’attentatore col cappello dell’aeroporto: era in casa
al momento delle esplosioni, come dimostrano i tabulati
telefonici. Per il sindaco di Bruxelles però Cheffou rimane un
pericoloso agitatore e dovrebbe restare in carcere. Riaperta la
metro, salvo la fermata di Maelbek, mentre resta chiuso
l’aeroporto. American Airlines ha sospeso tutti i voli
Usa-Bruxelles fino al 7 aprile. Terminato il riconoscimento
delle 32 vittime e dei 3 kamikaze.
—.

FISCO, DAL 15 APRILE ARRIVA IL 730 PRECOMPILATO
DENTRO SPESE SANITARIE, RISTRUTTURAZIONI E SPESE FUNEBRI

Dal 15 aprile arriva la nuova dichiarazione dei redditi
precompilata. Aumenta il numero dei possibili fruitori, da 20 a
30 milioni, e saranno molte di più le informazioni già inserite
dal fisco, oltre 700 milioni di nuovi dati: spese sanitarie,
università, previdenza complementare, ristrutturazioni, bonus
energia e pure spese funebri. Dal 2 maggio sarà poi possibile
confermare i dati o integrarli inviando la dichiarazione
all’Agenzia delle Entrate, direttamente dal proprio Pc o
attraverso un intermediario abilitato o un Caf.
—.

GIORNATA CAMPALE PER MARO’ ALL’AJA E A BRUXELLES
UDIENZA A TRIBUNALE ARBITRALE E VERTICE UE-INDIA

Sarà una giornata campale oggi per la vicenda dei marò. Al
Tribunale arbitrale internazionale dell’Aja, che deve stabilire
chi abbia la giurisdizione sul caso, l’Italia chiederà che
Salvatore Girone rientri in patria finché non arriverà la
decisione sull’arbitrato, fra un paio d’anni. A Bruxelles in
contemporanea si terrà il vertice India-Unione europea, con
Delhi che cerca un accordo di libero scambio con l’Europa. La Ue
intende sollevare la questione dei marò con il premier Narendra
Modi, insieme a quelle di 6 guardie britanniche e 14 estoni
condannate a pene detentive in India.
—.

TROPPA GERMANIA PER QUESTA ITALIA, A MONACO FINISCE 4-1
DUE GOL PER TEMPO, TEDESCHI SFATANO IL TABU’ DOPO 21 ANNI

La Germania sfata dopo quasi 21 anni il tabù Italia battendo gli
azzurri 4-1 a Monaco di Baviera in un’amichevole di preparazione
agli Europei. Dopo la convincente prestazione con la Spagna,
l’Italia era chiamata a confermarsi, ma la squadra di Loew non
ha sbagliato nulla. Conte ha confermato il 3-4-3, ma cambiato il
tridente offensivo, con Bernardeschi, Zaza e Insigne. L’Italia
ha iniziato aggressiva, ma la Germania ha capitalizzato le
occasioni avute, favorite dagli errori difensivi azzurri,
chiudendo il primo tempo sul 2-0, con le reti di Kroos e Goetze.
Nella ripresa altre due reti germaniche, con Hector e Ozil su
rigore, hanno completato un’inattesa disfatta, solo mitigata nel
finale da una rete di El Shaarawy. (Fonte ANSA).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.