Cava de’Tirreni: intitolazione villetta Giorgio Lisi e via Pasquale Capone

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Cava_Villa_LisiSabato mattina 2 aprile nel Salone di Rappresentanza del Palazzo di Città, si è tenuta la cerimonia  di commemorazione con successiva intitolazione dello slargo tra via Sala e via Ragone al professore Giorgio Lisi e di una strada alla frazione San Cesareo al  Maggiore Pasquale Capone. Sono intervenuti il consigliere comunale, Avv.Giovanni Del Vecchio, il Presidente della Commissione Toponomastica, Alberto Barone, il consigliere comunale, Marco Galdi, il cultore di storia cittadina, Massimo Buchicchio, l’avv. Luciano D’Amato (ex alunno del prof. Giorgio Lisi), il Ten.Col. Gennaro Troise, della Caserma “Pasquale Capone” di Persano, l’Assessore del Comune di Locorotondo, Michele De Giuseppe, il nipote del Maggiore Capone, Pasquale Capone, la nipote del prof. Lisi, Adalgisa Sammarco e il Vice Presidente della Provincia di Salerno Sabato Tenore.

GIORGIO LISI. Il Professore Giorgio Lisi, pugliese di nascita, cavese per amore. Nato a Locorotondo (Bari) il 5 settembre 1914, arrivo a Cava de’ Tirreni da ufficiale di complemento dell’esercito e qui conobbe la moglie Adalgisa Crispo. Morì nel dicembre 1979. Nei quarant’anni di vita vissuta a Cava de’ Tirreni si fece stimare per le qualità umane, di educatore, fu insegnante di  lettere classiche a Nocera Inferiore,  Amalfi e infine, appena fu istituito, al Liceo classico Marco Galdi, con una apprezzata vena poetica e per l’impegno civico. Una forte personalità quella di Giò, come lo chiamava l’avvocato Mimì Apicella con il quale divideva la passione per il giornalismo e animava le trasmissioni radiofoniche su la Radio del Castello e Radio Cava Centrale.

Fu corrispondente cavese dei quotidiani, Il  Roma e Napoli Notte, oltre che collaboratore dei periodici locali, Il Pungolo e Il Castello, dove commentava i fatti cittadini con non poca vena critica e polemica. Attivo nella vita culturale cittadina, apprezzato conferenziere, la passione e lo studio per Dante lo porto ad essere coideatore della Lectura Dantis Metelliana e cofondatore del Social Tennis Club. Oltre alla vena poetica ha lasciato interessanti saggi letterali , tra i più apprezzati: 1876 – la sinistra al potere; Tasso e Galilei; Il Sacrificio di Ulisse; introduzione allo studio del Verismo; Benedetto Croce nel centenario della nascita. Prese parte attiva nella vita politica e amministrativa della città come consigliere comunale e amministratore dell’Eca

PASQUALE CAPONE. Il Maggiore di Artiglieria Capone Pasquale (Salerno, 1896 – Cava de’ Tirreni, 16 settembre 1943), partecipò alla Prima guerra mondiale come ufficiale di complemento. Passato poi in servizio permanente effettivo, capitano d’artiglieria, partecipò alla Seconda guerra mondiale combattendo in Africa settentrionale. Ammalatosi nel 1941 fu rimpatriato e collocato in aspettativa con il grado di maggiore.

Il 16 settembre del 1943, fu protagonista di un gesto eroico, quando, presso la propria abitazione nella campagna di Castagneto dei soldati tedeschi stavano per fucilare un gruppo di patrioti. Nonostante fosse in casa con il padre Matteo ed il figlio di circa dieci anni, non esitò ad imbracciare il fucile ed aprire il fuoco sul drappello tedesco. Durante lo scontro i civili riuscirono a porsi in salvo dandosi alla fuga. I soldati tedeschi, individuarono l’abitazione dalla quale erano partiti i colpi e l’assaltarono; sfondarono la porta ed uccisero il vecchio padre. Nonostante fosse stato ferito e noncurante del rischio cui esponeva il figlio, senza più munizioni si difese ancora strenuamente fino a quando non venne sopraffatto, strappato al figlio e trascinato in un bosco vicino, nei pressi della villa Cardinale, dove fu immediatamente fucilato. Il corpo del maggiore Capone fu ritrovato dopo due mesi circa, poco distante dalla sua casa e insepolto.

Al termine della commemorazione, si è proceduto allo scoprimento delle targhe che porteranno il nome dei due illustri personaggi. La benedizione dei due momenti è stata affidata per la villetta “Giorgio Lisi”, al parroco della basilica della Madonna dell’Olmo  Padre Giuseppe Ragalmuto e per via Pasquale Capone, al parroco della chiesa di San Cesereo Martire, a Don Pino Muller che ha voluto arricchire il momento della benedizione  con la presenza della reliquia di San Giovanni Paolo II.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.