Giffoni: il ricordo del direttore del GFF Gubitosi sul Cinema Valle

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Claudio_Gubitosi“La demolizione di un luogo simbolo per Giffoni paese e per Giffoni Festival, è sempre un momento di riflessioni, di ricordi che viaggiano nel tempo”: parte da qui l’amarcord del direttore Claudio Gubitosi suscitato, stamattina, dall’inizio dei lavori di abbattimento del Cinema Valle, storica struttura in cui si sono svolte le prime edizioni del Giffoni Film Festival.

“Il Cinema Valle è stata la mia prima casa – prosegue Gubitosi – il luogo che mi ha dato l’opportunità di sviluppare l’idea del Festival. Avevo venti anni, imparai a fare l’operatore cinematografico e l’organizzatore di rassegne, che coinvolsero tutta la gioventù dell’epoca. Migliaia di ragazzi seduti sulle sedie di legno. Quell’oblò dal quale osservavo la sala dalla cabina di proiezione, con una macchina a carboni dalla quale non mi potevo distaccare, altrimenti buio in sala e fischi a ripetizione. Poi il doloroso momento dell’incendio del bar che coinvolse l’intera struttura”, ricorda ancora il direttore.

“Fu un vero e proprio miracolo, perché in soli due mesi, con la collaborazione di tutti, venne ripristinata la sala per il festival di quell’anno. Lì si sono sviluppate le battaglie ideologiche di quei giovani che volevano cambiare il mondo dopo il ’68. Mantenni la sala anche quando la Cittadella del Cinema aprì le porte alla Sala Truffaut. Quasi il doppio delle poltrone, tecnologicamente avanzata e più bella. Ma il fascino del Cinema Valle non si è mai spento dentro di me. I luoghi dei primi amori per il festival, di tanti incontri, di tanti talenti, italiani e stranieri. Una conchiglia tra una filiera di palazzi costruiti a dismisura dagli anni ’60. Ricordi, quindi, ma non tristezza”, precisa Gubitosi. “È la naturale evoluzione della vita. Era più triste vederlo lì abbandonato, non curato. Sta per diventare un’altra cosa, anche se non è giusto dire, come ho letto, che riaprirà. Una sala conferenze di 60 posti non sarà mai il nostro glorioso Cinema Teatro Valle”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.