Prima di tutto Servire di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
tony_ardito_foto_2“La lotta alla mafia dev’essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quella della complicità”. Sono parole pronunciate da Paolo Borsellino.
Al netto di qualche scoop mediatico, quando si è distratti da altri tipi di emergenze e priorità, si distoglie la attenzione dal fenomeno delle mafie ed esse sfruttano il momento per serrare le fila, riprogrammare, rinsaldare vecchie alleanze e sancirne di nuove; per rigenerarsi ed insinuarsi nelle moderne e diverse economie.
Già, perché coloro i quali ritengono che la mafia sia una e sia limita ad un’organizzazione criminale che agisce prevalentemente nell’ambito di un territorio, sbagliano. La mafia è un modo di essere, di pensare e di agire che mira ad innestarsi ed intrecciarsi con tutto ciò che afferisce al tessuto sociale ed a condizionarlo, sino ad orientarne le scelte.
Sono tanti, troppi quelli che per il sol fatto di aver assolto al proprio servizio, sovente anche con il solo esempio o la parola limpida e libera, hanno dovuto tributare la altissima testimonianza del sacrificio estremo.
Al di là della facile retorica e del fatto che la classe politica, nel suo insieme, non riesca a distinguersi e farsi apprezzare per la capacità di interpretare davvero il sentire comune, io credo che ancora oggi nei partiti e nelle istituzioni, a qualunque livello, molte persone si impegnino con serietà e rettitudine onde assolvere al proprio compito di rappresentare il cittadino e la comunità, ma talvolta si ritrovano imbrigliate, fagocitate dalla teoria del più forte – o forse del più furbo e cinico – e vinte da logiche finalizzate alla gestione del potere, interne ed esterne a quei luoghi, che finiscono con il prevalere e spesso lo svilire il buono che pure si produce.
Mi piacerebbe si evocasse l’immagine dei delfini i quali, quando sono in branco, non temono nessuno, neppure l’attacco feroce dello squalo; anzi insieme si fanno forti e lo affrontano sino a farlo desistere e scappare.
Ci vuole maggiore consapevolezza e determinazione se si ha intenzione di scuotere le coscienze; di ripudiare e combattere le ingiustizie e le illegalità a qualsiasi livello; di affermare il rispetto delle regole in ogni dove; di rivendicare, starei per dire, pretendere comportamenti ed atti trasparenti; se si vuol richiamare ciascuno a compiere il proprio, primario dovere, ovvero Servire, innanzitutto, Servire.

editoriale a cura di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.