Amalfi: avevano truffato ad anziana 3000 €, ci riprovano e vengono arrestati

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
carabinieri_2I Carabinieri della Compagnia di Amalfi nella mattinata odierna hanno proceduto all’arresto di due persone per estorsione e truffa ai danni di una anziana.

Si tratta di L.R. cl. 1955, A.P. cl. 1977 della Provincia di Napoli, entrambi pluripregiudicati.

L’attività dei Carabinieri ha avuto origine qualche giorno fa’ quando sul territorio Costiero si sono verificati una serie ditentativi di truffe agli anziani, per lo più soli in casa,  i quali venivano chiamati sul telefono di casa,  raggirati e conviti, con varie scuse, a consegnare denaro contante, da presunti impiegati dell’INPS o poliziotti, assicuratori o avvocati.Tentativi spesso rimasti tali anche grazie alla campagna di sensibilizzazione promossa da Carabinieri e organi di stampa per mettere in guardia i cittadini dal fenomeno; e tentativi che hanno permesso ai Carabinieri di raccogliere elementi e dati utili alle identificazione dei soggetti.

Per l’appunto, nella giornata di mercoledì scorso, ad Atrani (SA), una signora anziana era stata contattata da un finto avvocato che le aveva falsamente fatto credere che il figlio fosse in stato di fermo dai Carabinieri perché aveva investito una persona e che quindi avrebbe dovuto consegnare 3000 euro per evitare che fosse arrestato. La signora, presa dal panico, aveva creduto a quelle parole ed aveva poi consegnato circa 3000 euro ad un finto collaboratore dell’avvocato che si era presentato dopo pochi secondi fuori dalla sua abitazione. Solo dopo la consegna ed aver raccontato la vicenda ai vicini, la signora ha contattato il figlio scoprendo di essere stato vittima di una truffa.

Da qui, i Carabinieri della Compagnia di Amalfi hanno raccolto ed analizzato determinati indizi sui malfattori ed hanno intensificato capillarmente i controlli sul territorio fino a notare, questa mattina, la loro presenza ad Amalfi. Hanno quindi organizzato un mirato e serrato servizio che ha permesso di arrestare in flagranza i due soggetti, un uomo ed una donna, che anche oggi erano riusciti nel loro intento: avevano infatti convinto, sempre con le stesse modalità, una signora (60enne) di Amalfi a farsi consegnare 2600 euro come somma utile a non far arrestare il figlio in stato di fermo dai Carabinieri per aver investito una persona in un gravissimo incidente stradale. I due malfattori, questa volta invece, sono stati bloccati a bordo della loro auto mentre tentavano di lasciare Amalfi in possesso della somma appena estorta. I due dopo gli accertamenti del caso saranno tradotti presso il carcere di Salerno-Fuori.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Attacateli ad una sedia…dopo di che Strappategli le unghie delle mani e dei piedi lentamente…e poi ci cospargete sopra del sale…e lasciateli li un paio di giorni …vedrete che nn lo faranno piu’…nn ce bisogno nemmeno della galera!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.