Rispetto criteri antisismici, la denuncia della Feneal Uil per le scuole

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
crollo_scuolaA poche settimane dall’apertura delle scuole e a pochissimi giorni dallo straziante epilogo di morti del terremoto nel Centro Italia, ancora una volta in provincia di Salerno emerge un dato preoccupante, figlio soprattutto dell’inerzia delle istituzioni e dell’incapacità della classe dirigente e politica. Migliaia di abitazioni, anche se non soprattutto in quelle aree a rischio sismico già interessate dal terremoto del 1980, non sono state adeguate agli standard di sicurezza necessari. E, dato altrettanto sconcertante, numerosi istituti scolastici, di vario ordine e grado, non rispettano i criteri antisismici: si tratta di circa 24 plessi per una popolazione scolastica di oltre 23mila studenti.

In provincia la situazione non è migliore, con numeri che aumentano in maniera esponenziale.
Alla luce di quanto accaduto, e di quanto già abbiamo vissuto sulla nostra pelle nel 1980, per non dover attendere una non auspicabile emergenza, è opportuno intervenire in maniera decisa e immediata. Le direttrici sulle quali muoversi a nostro avviso, sono due:




Istituire celermente una cabina di regia che contempli la presenza dei rappresentanti degli Ordini degli ingegneri, architetti, geologi e geometri. Allo stesso tavolo deve essere garantita la presenza delle organizzazioni sindacali, delle istituzioni competenti – Comuni e Provincia – oltre che dell’Ufficio scolastico provinciale e dell’Associazione dei Costruttori. Gli Ordini professionali e gli enti locali dovranno garantire tecnici per effettuare già dai primi giorni di settembre prove di verifica statica degli edifici scolastici.
Effettuati questi controlli, si dovrà passare a stilare un elenco completo delle scuole che necessitano interventi e avviare, attraverso gruppi di lavoro dedicati nei Comuni e alla Provincia, la richiesta di fondi europei, nazionali o regionali per la messa in sicurezza degli edifici scolastici.
La Feneal Uil sarà affianco a tutte le forze politiche anche con manifestazioni di protesta per rivendicare i finanziamenti richiesti dalla provincia poiché sono a rischio 23 mila studenti, richiamando la responsabilità tutti gli enti o le istituzioni pubbliche e private coinvolte.

Non è più il tempo delle chiacchiere o delle campagne elettorali, adesso è il momento di agire e di intervenire con celerità. In gioco ci sono le vite dei nostri figli e dei nostri nipoti. Perché la messa in sicurezza delle scuole non è legata soltanto ad eventi calamitosi di grave natura, ma rappresenta una necessità che si sposa con il vivere quotidiano degli studenti, dei professori e di quanti vivono e lavorano in queste strutture.

Il Segretario Generale – Patrizia Spinelli

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.