Salerno: la Cisl chiede interventi urgenti negli edifici giudiziari di Piazza Malta

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
tribunale_Piazza_maltaContinuano le sollecitazioni da parte del Coordinatore Provinciale Ministeri della Cisl Fp di Salerno, Antonio Galatro, a tutela dei lavoratori del comparto della Giustizia. Con due diverse note inviate al Presidente della Corte d’Appello di Salerno e al Presidente del  Tribunale ordinario di Salerno, denuncia la precarietà dei luoghi di lavoro.

Negli uffici dislocati nell’edificio di Piazza Malta è del tutto evidente lo stato di pericolosità in cui sono sottoposti dipendenti e utenti, con solai del vano scala sovraccaricati da armadi contenenti fascicoli di ogni tipo, intonaco del tetto cadente e trattenuto solo da fogli di plastica, “appiccicati” al solaio, coperture  dei locali –  strutture aggiunte – adibite a uffici pieni di rifiuti cartacei e ricettacolo di polveri,  pure dannose per i frequentatori – ha dichiarato Galatro. Va inoltre, evidenziato che le armadiature che insistono sul vano scala, oltre a risultare eccessivamente pesanti per il solaio che le sostiene, non sono ancorate alle mura e/o tra loro, sì che in caso di movimento tellurico, queste possono cadere addosso ai dipendenti e/o utenti, nonché essere d’ostacolo alla eventuale evacuazione”.




Non dissimile la situazione presso gli Uffici giudiziari di Eboli. “Da un sopralluogo effettuato ho potuto prendere visione dell’indecoroso, quanto pericoloso stato dei luoghi destinati ad archivi degli atti civili – ha continuato Galatro. Nonostante le varie e continue denunce sullo stato dei luoghi  non si riesce a comprendere come tali situazioni possano continuare come se nulla fosse e non si riesce a capire come una dirigenza “giudiziaria” possa consentire che ciò si protragga sine die.

Tale documentata situazione rappresenta l’ennesima violazione dei precetti derivanti dal D. Lgs 81/08, che sta diventando consuetudine. La CISL FP  di Salerno chiede a tutela dei lavoratori degli uffici giudiziari di Eboli, l’inibizione immediata dei locali ed il ripristino dei luoghi  secondo le disposizioni normative esistenti”. Sia nell’uno che nell’altro caso la Cisl Fp è pronta ad intraprendere ogni azione a tutela dei colleghi e dell’utenza.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. nei tre plessi finiti della cittadella giudiziaria che fra poco se ne cadrà a pezzi pure quella.
    Non hanno i soldi per le attrezzature nuove?
    Si trasferiscono con le masserizie vecchie come fanno tutti i pezzenti. Almeno stanno puliti e non pagano affitto.
    Mistero!

    Secondo me non hanno neanche i soldi per il trasloco.
    Bene trasferiteli sotto i portici del comune, fanno udienza all’aperto ma almeno non ci piove e i sindacati la smettono.
    Che paese!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.