Scuola: Giannini, immorale parlare di deportazione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
ministro-giannini-panorma“È immorale parlare di deportazione nella scuola. Quella parola ci evoca momenti della storia ben più drammatici”. A dirlo è il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca, Stefania Giannini, a Salerno, in occasione dell’evento Panorama d’Italia. “L’80% degli insegnanti italiani, e parlo soprattutto dei nuovi assunti, è nato e vive a sud di Roma; il 67% delle cattedre disponibili è a nord di Roma. Ribaltare la geografia è un’operazione complessa che nessuno può attuare. Abbiamo fatto una legge che ha dato un’opportunità straordinaria a tutti coloro che da decenni, in alcuni casi, aspettavano il diritto, e sottolineo il diritto, della stabilità di un posto di lavoro”.

“Abbiamo dato quest’anno, – spiega ancora il ministro Giannini – con un piano di mobilità straordinaria, la possibilità a 207 mila insegnanti, anche quelli già in ruolo, di ritornare nelle loro sedi, quando in molti casi erano stati per anni fuori. È chiaro che c’è ancora un fenomeno di mobilità da sistemare che stiamo facendo tutti i giorni. Vedremo se ci sarà la necessità di qualche altro aggiustamento. Ne abbiamo fatti già in corso d’opera e mi sembra con ottimi risultati”, ha concluso Giannini.

“Giannini, Salerno non ti vuole”: è il testo di uno degli striscioni che hanno accolto il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini intervenuta a Palazzo di Città per uno degli appuntamenti di Panorama d’Italia. Una quarantina, tra insegnanti e studenti hanno protestato contro la riforma della scuola.

Il ministro Giannini, però, piuttosto che replicare alle contestazioni, seppure a distanza, preferisce parlare dei suoi obiettivi che – dice ai giornalisti – sono “chiari: attuazione di una legge che sta cominciando a mostrare i suoi frutti concreti dall’alternanza scuola lavoro al piano nazionale della scuola digitale a tutti i complessi ma importantissimi processi che ci stanno portando in Europa, come la valutazione delle scuole che è partita molto bene, con una rapporto di autovalutazione completato per tutte le scuole italiane”.

“Adesso – ha proseguito il ministro – anche la valutazione esterna, dato proprio di oggi, quest’anno, con un campione random, ha raggiunto il 5% delle scuole,con un target definito del 10% per il prossimo anno”. “Questo ci consentirà di andare in Europa con le carte giuste per essere paragonati agli altri sistemi educativi e dare ai nostri ragazzi le competenze che servono”, ha concluso Giannini. .

Sui test di Medicina dice: “Quest’anno i test sono stati gestiti in modo molto regolare, non c’è stata nessuna segnalazione di irregolarità. Il test è stato migliorato. Me ne sono occupata personalmente”. Secondo il ministro, “i posti disponibili che devono restare assolutamente programmati – cosa che ha fatto fare un salto di qualità alla formazione medico italiana ai primi posti insieme alla Francia in Europa e quindi nel mondo – e la platea di studenti meritevoli deve poter avere la possibilità di accedere”.

Per Giannini, “si potrà perfezionare lo strumento con modelli migliorativi rispetto a quello attuale ma sicuramente il numero programmato è un valore”. Su una ipotesi di divario tra Sud e Nord, in generale, il ministro ha aggiunto che “ci sono molte eccellenze universitarie anche al Sud.

Noi stiamo facendo con il ministro Calenda un lavoro preciso e puntuale sull’industria 4.0 e, per quel che ci riguarda, sui fattori abilitanti, e avrete delle belle sorprese, con centri finanziati e finanziabili di eccellenza anche al Sud”. “Il Sud non ha un problema universitario specifico, – sostiene il ministro – ha un problema Sud, nel senso che è un territorio che si deve trovare il modo di valorizzare e far esprimere alla massima potenza, affrontando di petto quelli che sono i problemi storici che non scopriamo certo noi”.


Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Caro ministro di un governo abusivo e massonico, l’unica cosa immorale è l’aver dato una cattedra alla moglie del premier a Firenze e per chiamata diretta dopo che la stessa non aveva superato l’esame di abilitazione. Tutto il resto è propaganda. Ma io mi domando poi se la legge della buona scuola, io la chiamerei della scuola di merda, è valida, così come pure il job act, lo sblocca Italia ecc, ma allora perchè tutti si lamentano e contestano? Come al solito c’è un ottimismo, da parte di questi governanti che non trova riscontro nella pratica. Caro ministro ti ricordo che tutti i parametri di riferimento dell’economia sono negativi e tu ed il tuo degno capo ci parlate di un mondo che non esiste.

  2. Esposito, come al solito dimostri di non essere libero e di questo io me ne vergognerei perchè va bene tutto ma la dignità non ha prezzo. Perchè non scrivi che il ministro è stato contestato fuori e dentro ignorato, come riporta la stampa libera? O non te ne sei accorto o sei in cattiva fede, scegli tu ma in entrambi i casi dovresti trarre le giuste conclusioni. In definitiva se sei serio devi scrivere che il ministro Giannini ha fatto un flop a Salerno.

  3. Alle continue demolizioni a cui è stata sottoposta la scuola da chiunque abbia voluto metterci mano senza ascoltare chi ci opera quotidianamente, si aggiunge quest’altra picconata di quest’altro governo, incompetente come e più degli altri! E’ inutile presentare una scuola ed un paese che non esiste: avete credibilità pari a zero. La scuola italiana era all’avanguardia nel mondo e continua ad esserlo solo ed esclusivamente per la serietà e l’abnegazione dei docenti. State facendo di tutto per demolire anche questi valori.

  4. Docenti con figli disabili al 100% sbattuti dalla Sicilia alla Lombardia e la moglie di Renzino sbattuta a 5 minuti d’auto da casa….La solita ipocrita sinistra parlava delle leggi ad personam di Berlusconi e queste cosa sono???

  5. Salerno risulta una delle migliori Pasticcerie d’Italia.
    Salerno: uno si presente alle elezioni spende un saco di soldi ci mette la faccia i cittadini gli credono prende addirittura un sacco di voti e lo prende nel deretano.Poi arriva il figlio di turno mai fatto un cavolo in vita sua ma siccome deve controllare i baba che ha fatto il capo pasticciere , non si presenta alle elezioni , non ci mette la faccia, non prende voti non spende soldi ma è qui il BABA si manifesta in tutte i suoi aspetti in tutte le sfaccettaure , diventa assessore al Bilancio dove si maneano quattrini e si gestiscono vecchie cose Caro Anoniumo vat fa na bella cammenta a SAlifornia che è meglio

  6. Nessuno ha imposto a questi soggetti di fare domanda in lombardia o in valle d’aosta, era bello una volta fare domanda dove c’erano più posti e meno richieste e poi chiedere il trasferimento sotto casa, vero? Quei tempi sono finiti.

    Semmai il ministro deve licenziare in tronco quel 55% di “docenti” che ha insegnato per anni e che ora ha fallito il test di ingresso per entrare di ruolo, visto che sono palesemente ignoranti.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.