Salernitana: strada giusta ma guai ad esaltarsi per così poco

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
salernitana-trapani-2016-52Contro il Trapani è arrivata la prima vittoria stagionale per la Salernitana e, come recita un vecchio adagio, squadra che vince non si cambia. Almeno, non nella sostanza. Sannino col 3-4-1-2 proposto nel match casalingo con i siciliani sembra abbia trovato finalmente lo spartito tattico in grado di assicurare equilibrio alla squadra (che è arrivata al 90esimo senza subire reti per la seconda volta consecutiva) e di esaltare le doti dei singoli. E’ indubbio che la mossa di avanzare il raggio d’azione di Rosina di una ventina di metri è stata la chiave, visto che dal piede dell’ex Catania sono partite le azioni determinanti ai fini del risultato finale (anche se poi gli assist portano le firme di Coda per Vitale e dello stesso Vitale per Donnarumma).




Libero di svariare su tutto il fronte d’attacco, tra le linee, Rosina è risultato l’uomo in più della Salernitana e la manovra dei granata è risultata indubbiamente più fluida, meno prevedibile, agevolata anche dal movimento senza palla degli esterni (in particolare Vitale, il mancino che la Salernitana cercava da anni) e dalla voglia di giocare al servizio dei compagni dimostrata da Coda (dettaglio che era già emerso nel corso del ritiro estivo e di cui s’erano un po’ perse le tracce nelle prime gare di campionato). Ma Rosina, e questo è un aspetto che ne testimonia pure la crescita in termini di condizione fisica, non s’è risparmiato nemmeno in fase di non possesso (laddove devono dare un apporto maggiore pure le due punte) e così la Salernitana ha potuto sopportare il “peso” del trequartista.

Inoltre, in mezzo al campo è stata schierata una vera e propria diga e sia Busellato che Odjer nei panni dei ruba-palloni (scaricati dal peso della responsabilità di costruire gioco) hanno fatto un figurone. Il passo successivo che la squadra granata è chiamata a compiere, ora, riguarda la personalità: in casa come in trasferta, così come richiesto da mister Sannino, Rosina e soci devono fare la partita. E allora a Ferrara, in casa della Spal, è auspicabile che la Salernitana scenda in campo con lo stesso piglio battagliero mostrato contro il Trapani. Che non significa attaccare scriteriatamente, ma comportarsi da squadra, stando corti, attenti nella fase difensiva e pronti a ripartire sfruttando le doti di quegli elementi che in questa categoria possono fare la differenza e che, se messi in condizione di rendere al meglio, di certo non tradiranno le attese.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.