Salerno incontra la Siria, ospite dei Salesiani Don Simon Zakerian

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
don_simonSabato 1 ottobre 2016, alle ore 19.30 presso il Paladonbosco dell’Oratorio centro giovanile salesiano di Salerno, si svolgerà un incontro aperto a tutta la città con don Simon Zakerian, direttore dell’Opera Salesiana di Damasco. Con il titolo “Storie intorno al fuoco”, don Simon terrà una testimonianza eccezionale e diretta, in quanto racconterà di come si vive oggi in Siria, sotto i bombardamenti, e di come la situazione richieda un aiuto concreto della comunità internazionale. Con l’organizzazione dell’Opera Salesiana di Salerno, anche le comunità locali faranno la loro parte. Dopo l’incontro, infatti, si svolgerà il Pub Solidale, una serata di panini e piatti preparati con i prodotti del commercio equo e solidale del locale Gruppo Vis, il cui ricavato andrà a sostegno delle popolazioni civili siriane.




Sono state coinvolte anche alcune scuole, associazioni e parrocchie. “Ci sembrava fondamentale – spiega don Pasquale Martino, direttore dell’Opera Salesiana di Salerno – far sentire la nostra vicinanza ad un salesiano che è rimasto accanto ai ragazzi, rischiando la propria vita sotto le bombe. Avrebbe potuto fare scelte diverse, andare via, trasferirsi in un posto sicuro. Sappiamo che quanto raccoglieremo andrà, fino all’ultimo centesimo, realmente alle gente stremata dalla guerra, senza intermediazioni. Sarà lui stesso a portare gli aiuti lunedì 3 ottobre, al suo rientro in Siria. Invitiamo tutti i cittadini di Salerno a partecipare. Abbiamo realmente la possibilità di non restare indifferenti dinanzi a quanto sta accadendo dall’altra sponda del Mediterraneo”. Don Simon Zakerian rimarrà a Salerno anche domenica 2 ottobre e celebrerà la messa presso la chiesa di San Giovanni Bosco alle ore 10 ed alle ore 12.

La comunità salesiana di Damasco offre un servizio prezioso ed importante alla popolazione siriana, in particolare in questo momento drammatico. Anche qui, come ad Aleppo, le attività sono state ben animate ed organizzate, supportate dalla presenza di animatori e collaboratori e frequentate da circa 900 giovani provenienti da aree anche molto lontane dalla città. In virtù del numero particolarmente elevato di partecipanti, i ragazzi sono stati divisi per fasce d’età, assegnando giorni  precisi per lo svolgimento delle attività, ospitandoli dalla mattina fino alla sera e offrendo loro ogni giorno pasto e trasporto. La situazione è tuttavia peggiorata notevolmente negli ultimi tempi, diventando più instabile e insicura. Anche lì gli effetti della scarsità di acqua, dei tagli all’elettricità, del carovita e della mancanza di lavoro pesano sulle condizioni di vita della popolazione, che sempre più numerosa decide di lasciare il paese.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.