Condannato per guida sotto effetto di stupefacenti, 26enne assolto in appello

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
sentenza_processoE’ una sentenza destinata a fare giurisprudenza per i casi di guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti quella emessa il 26 settembre 2016 dalla Corte d’Appello di Salerno. Assoluzione con formula piena perché il fatto non sussiste a favore di un 26enne di Maiori a cui era stato contestato il reato di guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Questo il giudizio emesso ieri dalla Corte di Appello di Salerno che – come riportato dal giornale on line de IlVescovado – ha annullato la sentenza di primo grado del 13 maggio 2015, con la quale il giovane era stato condannato a quattro mesi di reclusione e 1000 euro di ammenda (inizialmente ne erano stati chiesti addirittura 20670).




IL FATTO Il giovane venne fermato nel 2012 dai Carabinieri alla guida del proprio scooter e condotto presso il presidio ospedaliero di Castiglione per gli accertamenti di rito, risultando positivo alle analisi delle urine.  Sottoposto al relativo procedimento penale era stato dapprima condannato in primo grado e adesso assolto con formula piena, per l’accoglimento delle argomentazioni difensive (le motivazioni entro i prossimi 90 giorni). Il legale del giovane, l’avvocato Luigi D’Uva, ha evidenziato come non sia sufficiente provare che l’imputato abbia potuto assumere sostanze stupefacenti ma che occorre dimostrare che fosse alla guidava in stato di alterazione psico-fisica causata proprio dall’ultima assunzione.

In caso di controlli stradali è un diritto dell’accertato scegliere di essere sottoposto al test del sangue piuttosto che a quello delle urine. La legge italiana sanziona chi guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti e non una precedente assunzione. Solo attraverso le analisi del sangue è possibile stabilire la reale concentrazione dei principi attivi che determinano gli effetti stupefacenti. Nel caso della cannabis i metaboliti passivi residui restano nelle urine fino a un mese e mezzo dall’ultima assunzione, mentre il THC attivo nel sangue resta mediamente fino da 12 a 27 ore, a seconda del dosaggio dell’ultima assunzione.

Fonte IlVescovado.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.