Dal Cilento un Know-How per l’ecosistema Mediterraneo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Marina_di_CamerotaLungo le coste salernitane del Cilento si sviluppa uno dei più importanti ecosistemi del Mediterraneo per presenza di biodiversità e di Posidonia oceanica, le cui praterie sono fondamentali nel mantenimento degli equilibri geomorfologici dei litorali. Si tratta di una specificità studiata e coltivata nell’Area a Tutela “La Punta” di Pioppi, borgo marinato di Pollica, dove si è svolto, dal 19 al 23 Settembre, il primo corso di formazione per laureati e laureandi in discipline scientifiche. Vi hanno partecipato giovani provenienti da tutta Italia ai quali il Sindaco di Pollica, Stefano Pisani ha ricordato l’importanza del “know-how dei futuri biologi marini per la migliore comprensione dei meccanismi che regolano e governano gli ecosistemi marini”. In materia il Comune di Pollica, insieme a Legambiente, ha da anni promosso il trapianto di talee di Posidonia oceanica nello specchio d’acqua  dell’Oasi blu La Punta, tra Pioppi ed Acciaroli.

Altra sfida importante preannunziata dal Sindaco Pisani riguarda la ricerca di un sistema di gestione della posidonia spiaggiata capace “di equilibrio tra valore sociale, economico e naturalistico”.  Durante il corso sono state prese in considerazione non solo le funzioni frenanti dello strato fogliare della posidonia, in grado di dissipare per attrito circa il 60/70% dell’energia della correnti ed il 30/40% di quella delle onde; si è parlato anche del valore economico della Posidonia ove si consideri che il 25% delle specie ittiche di interesse commerciale del Mediterraneo ha una relazione direttao indiretta con la prateria, la cui perdita di un solo metro lineare si traduce in un arretramento di 20 metri di litorale. Il valore complessivo del posidonieto viene stimato, per funzioni svolte e servizi prestati, fra i 39.000 e gli 89.000 euro per mq all’anno. Il corso, mirato a fornire professionisti qualificati alle istituzioni pubbliche e private per la difesa di un patrimonio ambientale fondamentale per un paese, come l’Italia, che si sviluppa lungo 7458 km di costa, è stato patrocinato dagli Atenei Federico IIe Parthenope e da Conisma ed organizzato dal Museo Vivo del Mare di Pioppi, in collaborazione con Legambiente e la ECON srl.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.