Si ‘offrivano’ al boss per non pagare la droga, le intercettazioni choc

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
prostituzione-case-chiuse«Ma non scendo, sto senza soldi e non scendo proprio…». «Puoi venire tranquillamente, lo sai già… no, hai capito?». È uno stralcio della conversazione tra Emanuele Barbone, a capo di un gruppo di pusher che agiva tra Fratte e la zona orientale di Salerno , e una giovane salernitana alla quale l’uomo chiede sesso in cambio di droga. Diverse le intercettazioni tra i due: Barbone chiama a qualsiasi ora, anche della notte,e spesso insiste per farla andare da lui. Anche senza soldi. È informato su tutti gli spostamenti della ragazza, come si evince da una telefonata dell’una di notte. Lui la chiama e le chiede dove è. «A casa», risponde lei. «Tu hai detto che stavi al centro». «No, mi sono fatta accompagnare appositamente era infrasettimanale ed era dopo la mezzanotte…guagliò fra pochi giorni sei di nuovo libero…». «Non ce la fai a venire…? Tenevo una cosa bella proprio…mi devi credere…». «E io venivo direttamente già lo sai se…». «Tenevo tutte e due lemaglie» diceBarbone riferendosi alla coca e all’eroina.

«Eh,ho capito e come devo fare?». «Non puoi fare una fuga?». «Eh..ma io la volevo fare la fuga veramente…». «Scusa ma tu sei grande che tieni a che vedere…Glielo dici: è s uccesso un imprevisto a casa di una mia amica ed ecco fatto… ma tanto a quest’ora non se ne accorge che stanno dormendo…».«No,quella (la madre, ndr) sta vicino al computer che strafacendo il solitario allora è chiaro che io me ne voglio scappare….Se mi riesco a muovere entro dieci minuti tifaccio un messaggio». «Jaa… ci facciamo una scopata veloce veloce…e lo sai che io ti tratto sempre bene». «Ok io quello volevo fare veramente». «Ti aspetto altri cinque minuti». L’uomo non molla. Dopo due ore invia un sms alla ragazza: «Dai vieni,l’ho preparato già». Conversazioni che lasciano trasparire come Barbone fosse disponibile a rifornirla di droga in cambio di sesso.

Tra i suoi clienti vi erano, ragazzi, professionisti salernitani ma anche abituali assuntori provenienti da varie zone della provincia di Salerno, in particolare da Polla così come è stato evidenziato dalle indagini effettuate dai carabinieri della compagnia di Battipaglia agli ordini del capitano Erich Fasolino e coordinate dalla Procura di Salerno. Indagini conclusesi nel blitz Italo scattato lunedì mattina e che ha portato all’emanazione di 62 misure di prevenzione 153 perquisizioni personali. Cinque i sodalizi criminali che sono stati smantellati. Uno di questi era attivo proprio a Salerno e faceva capo a Emanuele Borbone, questi spacciava sia nel quartiere di Pastena, nei pressi della rotatoria vicino alla tangenziale, a pochi passi da casa sua e a Fratte.

E poi l’aspetto inquietante dei pagamenti in natura. Martina, Federica, Raffaella, Veronica, Roberta, Ivana, Alessandra. Sono solo alcuni nomi delle ragazze che si riforniscono da Barbone. E ne fa parola con altri suoi sodali. «Compà, non venire ora, sta salendo: il tempo che me la c… e ti chiamo». E quando le ragazze hanno il denaro non perdono tempo a dirlo: «Stasera voglio due maglie (eroina e cocaina) e ti porto i soldi miei». Ma c’è anche un altro aspetto inquietante della faccenda. Ed emerge in un’altra intercettazione quando una delle ragazze era nei pressi dell’abitazione di Emanuele Barbone: «Sto con mia nipote, non posso salire». E lui: «Ma vieni non ti preoccupare: prendi l’ascensore, troverai la porta aperta».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Veramente il significato è un altro e chi ci guadagna è la ragazza e non il boss, infatti è il boss che avere un rapporto sessuale gli deve dare “la droga”, la ragazza invece di vendersi per soldi “li riceve ma sotto forma di droga”…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.