Autovelox, arriva lo Scout Speed: ecco cos’è e come funziona

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
scout-speed-vigiliNessun obbligo di segnalazione e nessuna possibilità di capire dove si trovi. L’ultima novità in materia di autovelox si chiama Scout Speed e promette di essere l’incubo peggiore per gli automobilisti più indisciplinati. A spiegarne il funzionamento e le potenzialità, il sito di informazione giuridica ‘La legge per tutti‘.

“Lo Scout Speed – spiegano dal portale – è l’ultimo ritrovato in campo di autovelox e, sicuramente, uno dei più insidiosi per due ragioni: la prima è che non sono previsti obblighi di segnalazione preventiva nei confronti degli automobilisti, che pertanto non troveranno più il consueto cartello, ai margini della strada, con cui li si avverte della possibilità di controllo elettronico della velocità; dall’altro tali apparecchi vengono nascosti dentro un’auto della polizia in movimento, e quindi del tutto invisibili e imprevedibili: il che impedisce le classiche manovre del ‘frena e riaccelera’ non appena si vede la postazione sul margine destro della strada. Peraltro, proprio tale sistemazione rende inutili tutti i dispositivi di cui oggi si valgono gli automobilisti (come navigatori satellitari e app su smartphone) in grado di fornire avviso preventivo della presenza degli autovelox e tutor”.

“In buona sostanza – spiega ancora laleggepertutti.it -, lo Scout Speed funziona così: all’interno di un’auto ‘civetta’ della polizia, che circola normalmente sulla strada, viene collocata una piccola telecamera all’altezza dello specchietto retrovisore sul parabrezza. Quest’apparecchio è in grado di rilevare la velocità delle auto in circolazione nello stesso senso di marcia (sia davanti che dietro) l’auto della polizia, anche a distanze elevate, sia nell’opposta carreggiata con senso di marcia inverso. Se l’automobilista, ignaro di ciò, supera i limiti di velocità, viene contravvenzionato”.

Un esempio di quanto ‘letale’ possa essere l’autovelox di nuova generazione? Eccolo: “Si pensi al caso di chi – spiegano dal sito – proceda spedito e, subito dopo la curva che gli impedisce una perfetta visuale della strada, si trovi dinanzi l’auto della polizia con lo Scout Speed: non potendosi accorgere in anticipo della sua presenza, egli non sarà neanche in grado di decelerare per tempo. In tali casi, la multa è pressoché scontata”.

E guai a pensare di fare i furbi sulle strade di notte, lo Scout Speed è infatti in grado di rilevare la velocità anche nelle ore di buio grazie a un particolare sistema a infrarossi.

Un sistema che sembra infallibile, ma cosa si può fare se si viene multati? “Anche lo Scout Speed – scrive laleggepertutti.it -, al pari di tutti gli autovelox mobili, è soggetto all’obbligo, imposto dalla sentenza della Corte Costituzionale dell’anno scorso, di periodica taratura. Pertanto, l’automobilista multato può sempre richiedere, prima di effettuare ricorso o anche con l’atto di impugnazione innanzi al giudice di Pace, che l’amministrazione produca il certificato di taratura. In mancanza dello stesso – che deve essere depositato in copia autentica – la multa è nulla”.

Come difendersi, quindi, dal temibile Scout Speed? Il sistema più efficace rimane sempre lo stesso, il più scontato: rispettare sempre e comunque il codice della strada e i limiti di velocità.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. non sanno piu che inventarsi per rubare soldi, ogni scusa è buona. Ma vi rendete conto che per la segnaletica pietosa che abbiamo potremmo avere multe in ogni momento e senza per questo essere fuorilegge ? un esempio, in autostrada ti trovi “fine limite a 100” quando non c’era nessun limite esposto a 100.. altro esempio, i limiti di velocità a 5! eh si, quelli che pongono quando ci sono lavori e che poi ..restano sulla carreggiata.. facendo i ligi alla legge, delle due l’una: o multe al 100% di quelli che passano lì dichiarandoli tutti pazzi al volante, oppure ammissione che è solo un furto ai danni degli automibilisti con la scusa della sicurezza. Ma di esempi, quelli che giuidano davvero ne potrebbero fare a decine: chi multa i comuni e le società che gestiscono le strade quando sono LORO a infrangere la legge???

  2. Seeeee ormai e letta sarebbe un ottima cosa se a TUTTI e sottolineo TUTTI quelli che infrangono il codice della strada la sanzione arriva
    MA……..come per i vari autovelox e parkontrol, LEVA i parac*lo sempre omnipresenti, familiari, gli amici degli amici e quelli stretti, esercito, forze di polizia, avvocati.. etc etc etc….alla fine ci rimette sempre chi va a lavorare o esce con la famiglia e trova sempre lo scemo di turno che ti combina un guaio nei casi piu fortunati o l’imbecille che parcheggia nel riservato ai disabili o peggio ancora parcheggia direttamente sui marciapiedi.(peggio ancora perche’ se chiami polizia o vigili hanno semèpre da fare e ognuno fa quel che vuole)

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.