Salerno: raccolta rifiuti in tilt, Lambiase: «Manca regia per ridurre spese»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
autocompattatori_rifiutiIl servizio di Igiene Urbana a Salerno può produrre una vera e propria “Emergenza-Rifiuti”, se non si provvede. Aumenta  il grado di “sporcizia” dei nostri quartieri, a fronte di una Tassa sulla “immondizia” che i Salernitani pagano, tra le più alte d’Italia.
La raccolta dei rifiuti a Salerno ha un costo di decine di milioni di Euro e pecca di una frammentarietà forte. Sicuramente in piccola parte deriva da decisioni e competenze “non locali”. Vedi l’obbligo di trasportare l’indifferenziata allo STIR di Battipaglia (impianto di tritovagliatura e imballaggio dei rifiuti)  per la produzione di CDR, che viene poi ritrasportato all’inceneritore di Acerra, per essere bruciato.
Ma tutto il resto dipende dall’organizzazione (direi disorganizzazione) che si è data il Comune di Salerno.
I soggetti che intervengono per lo “spazzamento” dei quartieri sono tre: gli operai del Comune, la società Salerno Pulita ed una serie di cooperative sociali (di tipo B). La raccolta differenziata “porta a porta” è opera di Salerno Pulita.
La raccolta del vetro, le isole ecologiche e la  “rimozione ingombranti” sono servizi effettuati dal Consorzio di Bacino Salerno 2.
A tutto ciò si aggiunge la gestione “a perdere” dell’impianto di compostaggio. L’organico lavorato nel Sito di Compostaggio produce un compost che “non ha mercato” (cioè non si vende).
I costi elevati del Sito vengono solo parzialmente compensati dalla produzione di energia elettrica recuperata dai biogas generati dai rifiuti e dai pannelli fotovoltaici installati sul tetto dei capannoni dello stabilimento.
I costi di gestione superano ampiamente la media nazionale. Per non parlare dei costi di realizzazione dell’impianto, che a Salerno raggiunsero una cifra doppia rispetto ad impianti con capacità superiore di trattamento (vedi impianto di Case Passerini  a Sesto Fiorentino).
C’è mancanza totale di “regia” che riduca le spese, aumenti il livello di produttività del personale, coordini le attività dei vari soggetti impegnati.
Ho constatato che il settore è dotato di Dirigenti, Funzionari, Impiegati ed Operai (comunali e non) capaci e competenti, che non vengono messi in condizione di dare il “meglio”. Si pensi ai mezzi “scassati” a disposizione degli operatori ecologici comunali.
La nostra comunità ha necessità di servizi più efficienti, che porteranno un risparmio sicuro e di conseguenza tasse locali meno “pesanti” per le famiglie salernitane.
L’Amministrazione Comunale ha il dovere di “sanare” le disfunsioni, i difetti, le carenze dei servizi di “igiene urbana”!
Si lascino da parte accuse di responsabilità pregresse, e si pongano il Sindaco e l’Assessore competente l’obiettivo di avviare a soluzione entro un anno il problema. Sicuramente hanno capacità e possibilità di farlo!
Lo scrive in una nota il consigliere comunale di opposizione Giampaolo Lambiase (Salerno di Tutti)
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. La cosa più bella non viene a galla però. Salerno Pulita ha circa 200 operatori a orario ridotto e con contratto ad interim (in pratica fitta questi operatori tramite un agenzia da circa 8 anni) questo giro indensato fa lievitare i costi di quasi il doppio rispetto al normale. Questa vergognosa operazione è frutto di una gestione scandalosa nonché di scarsi controlli verso chi amministra questo sistema.Prendete fissi sti ragazzi eliminate queste agenzie (prestanome) e finitela di spartirvi i soldi dei contribuenti vergogna chi più che i meno ci avete mangiato tutto e vi fate paladini solo per doppi fini

  2. Vorrei chiedere all’architetto Lambiase di farsi portavoce di chi per questi fetenti voce non ha. Ma é mai possibile che i cittadini oltre che pagare una tassa sui rifiuti che é tra le più care d’Italia, deve sobbarcarsi pure delle spese afferenti alle buste, ai secchi per la casa e ai carrelati per il condominio. Peraltro, questi sono resi inutilizzabili dagli stessi autocompattatori durante le operazioni di carico e scarico e per evitare che giacciano inerti sotto casa, dobbiamo pagare pure una ditta che li rechi alla discarica. Spero che questi fetenti che ci governano abbiano vita breve perché ci stanno affamando. Sono i peggiori questi sinistroidi.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.