Sliding Doors : porte scorrevoli attraverso cui escono italiani e entrano stranieri (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
cosimo risiSliding Doors è il film che nel 1998 lanciò Gwyneth Paltrow e da allora i fortunato titolo è divenuto la metafora di una condizione esistenziale. Si entra e si esce dalle porte, in quel caso dell’ascensore, ed il destino muta. Nel film si poteva vedere cosa sarebbe accaduto se invece di uscire entravamo, nella vita no. Chi esce, quasi sempre è per sempre.

I centomila e passa italiani che lasciano l’Italia ogni anno hanno le valigie con le rotelle, aggeggi elettronici, qualche libro, vestono jeans felpe sneakers d’ordinanza, conoscono o almeno parlottano l’inglese. Sono giovani informaticamente updated, mediamente acculturati, a volte persino masterizzati. Nel gruppo stanno anche i prossimi maitres à penser: i cuochi che diverranno chefs. A loro spetta il destino di preparare il cibo in un locale sedicente italiano gestito da pakistani e, un giorno, di mettersi in proprio e discettare sul mondo in uno spettacolo televisivo dedicato al gusto.

Lo squadrone di giovani in cerca di fortuna fuori Italia si ingrossa da anni, complici la crisi finanziaria e la sfiducia nel sistema di casa. Il sentimento di sfiducia è insidioso: significa che sei disposto ad accettare fuori le condizioni non necessariamente migliori di quelle domestiche solo perché il paese di accoglienza ti ispira  iducia. La fiducia che ti valuta per i meriti e non per gli agganci familiari e politici e di cordata. La fiducia che il fisco, una volta soddisfatto, non ti perseguita oltre misura. La fiducia che i servizi pubblici funzionano a dovere.

Ci stanno prove banali. Nella maggiore parte delle città europee le fermate dei bus sono segnate dalla paletta con l’orario della prossima corsa. E puoi scommettere che il bus arriverà all’ora indicata. Nelle città italiane dalla capitale in giù, l’autobus è un moto dello spirito, è la speranza nel miracolo. Stai alla fermata di Via Cassia come a Fatima: in attesa dell’apparizione.

I centomila che escono non rientreranno facilmente. Periodicamente qualche governante lancia il programma per il rientro dei cervelli. Puntualmente il programma produce modesti risultati. Gli incentivi scarseggiano e soprattutto manca la fiducia. Gli atenei continuano a reclutare i parenti dei parenti e gli amici degli amici e tengono in attesa migliaia di ricercatori perché non ci stanno le risorse per chiamarli in cattedra. Ed allora qualsiasi buono proposito si scontra con l’immutabilità del quadro nostrano.

Le sliding doors  ammettono gli stranieri per occupare i posti che gli italiani disdegnano. A girare per ristoranti e fattorie l’osservazione è comune: se non ci fossero il pizzaiolo egiziano o l’allevatore indiano o il trattorista albanese, chiuderemmo bottega. Per contro le nostre Università accolgono un numero modesto di giovani provenienti dai paesi sviluppati o in via di rapido sviluppo.

Abituiamoci al fatto che la filiera corta dei prodotti agricoli è possibile solo grazie ai lavoratori stranieri. Nel frattempo il nostro livello medio di acculturamento si abbassa. Regno Unito, Svizzera, Germania, le mete preferite dei nostri giovani, ringraziano per il meglio del made in Italy.

Cosimo Risi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.