Abbondanza in attacco: un bel problema per Mister Sannino

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
benevento_salernitana_43_esultanza_fine_garaRipartire dall’ottimo primo tempo disputato contro il Benevento e cercare di dare continuità, in termini di rendimento (nell’arco dei 90 minuti) e di risultati (finora altalenanti in questo avvio di stagione). La Salernitana, rinfrancata nel morale dal successo ottenuto nel derby, si prepara per l’insidiosa trasferta di Brescia. Sul campo di una delle squadre più giovani ma ben organizzate del torneo cadetto (che dovrà però rinunciare ad uno dei suoi leader, Pinzi, che sarà squalificato), la squadra di mister Sannino cercherà di dimostrare di essersi messa definitivamente alle spalle il momento no.

Per una questione di equilibrio (complessivo, non solo difensivo), la sensazione è che difficilmente (se non in determinate gare) sarà possibile riproporre le due punte più Rosina. Ed ecco allora che uno dei tormentoni della scorsa stagione, quello della convivenza di Coda e Donnarumma (i gemelli del gol, risultati decisivi ai fini della permanenza in B dei granata) torna di strettissima attualità. Ed ecco che sarà importante gestire anche coloro i quali stanno trovando poco spazio (per evitare che ai vari Caccavallo e Joao Silva possa venire il mal di pancia).




Contro i sanniti è rimasto fuori l’ex Teramo, Rosina è risultato decisivo pur non incidendo sul risultato scompaginando i piani della retroguardia avversaria, mentre Coda ha ricevuto pubblici elogi per l’incredibile mole di lavoro svolto (che però gli ha tolto qualcosa in termini di pericolosità offensiva e lucidità sotto porta). Sannino potrebbe cambiare qualcosa dal punto di vista degli interpreti, ma lo scacchiere tattico dovrebbe rimanere immutato, con questo 3-5-1-1 pronto a diventare 4-4-2 in fase d’attacco, con un moto perpetuo da parte di tutti e dieci i giocatori di movimento.

Fondamentale è la disponibilità al sacrificio da parte di tutti: Improta ha indossato spesso i panni del terzino, ma non ha fatto mancare il suo apporto nella metà campo avversaria, Perico ha galleggiato tra il centro della difesa e l’out di destra, Zito ha saputo spingere ma anche coprire le spalle a Vitale protagonista di ottimi sganciamenti offensivi. Con un simile atteggiamento (mentale ancor prima che tattico), la Salernitana può cercare di fare risultato anche al Rigamonti, dove Sannino ritroverà Odjer (in lizza per una maglia a centrocampo).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.