Fonderie Pisano; altra giornata di presidio davanti al Tribunale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
protesta-fonderie-pisano-tribunaleE’ cominciata un’altra settimana di proteste, ansie e attese per i lavoratori delle Fonderie Pisano. Una delegazione dei 120 operai ha manifestato questa mattina dinanzi al tribunale di Salerno esponendo uno striscione con su scritto: “Non inquiniamo, ma non lavoriamo. Vergognatevi”.  L’azienda, intanto,  sta valutando se presentare un piano industriale dettagliato al Gip che tre giorni fa ha rigettato l’istanza di dissequestro della famiglia Pisano, lasciando però una porta aperta.

L’unica strada da percorrere per la proprietà porta alla dimostrazione che una ripresa, anche parziale, della produzione nell’attuale sito di via Dei Greci a Fratte sia fondamentale per preservare le commesse di lavoro e con esse i livelli occupazionali attraverso poi la delocalizzazione. In pratica la proprietà vuole evidenziare al giudice per le indagini preliminari che non ci potrà essere una delocalizzazione se non riaprirà l’attuale fabbrica, sperando così di fargli cambiare posizione dopo il parere negativo espresso giovedì.

Una seconda strada giudiziaria porta all’appello al Tribunale del Riesame ma questa è senza dubbio più lunga. In attesa della pronuncia, i lavoratori rischiano di perdere il posto e gli eventuali ammortizzatori sociali. In queste ore l’avvocato Gugliemo Scarlato, legale della famiglia Pisano, deciderà quale percorso intraprendere.

Questa mattina i sindacati si sono recati in Regione Campania per discutere della richiesta di cassa integrazione che, al momento, resta ancora incerta.

 

VIDEO

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Ancora questa farsa con padri di famiglia ridotti allo stremo e pseudo difensori dell’ambiente,cavalcatori di tigri di carta,alla ricerca perenne della visibilita e considerazione mascherando il fatto che nella vita non hanno mai lavorato e fatto un cazzo….dove stavano negli anni scorsi quando la fonderia lavorava a pieno ritmo e gli amministratori scorsi iniziavano a dilettarsi con la “salerno europea”….sto con gli operai e le loro famiglie senza alcun dubbio

  2. LA fonderia Pisani non inquina???
    Che è una barzelletta???
    Pisano cacci i soldi e paghi gli operai. INtanto ha gia perso 6 mesi per la “fintissima” delocalizzazione, ma i giudici non sono cretini

  3. Ma operai e sindacalisti che protestano hanno avuto almeno l’accortenza di leggere perchè il giudice ha rigettato l’instanza di dissequestro, confermando ancora una volta le ipotesi della procura?
    Evidentemente gli ennesimi controlli (annunciatissimi) non sono andati così bene come vogliono farci credere.
    Quindi il generico uomo proveniente da marte a chi dovrebbe credere ?
    A propietà/sindacati/operai con il loro carico di interessi oppure ad un giudice della repubblica ?
    Incredibile poi lo stuolo di politici che continua ad insistere per una riapertura dello stabilimento a Fratte : la fonderia inquina al di la dei livelli consentiti, non hanno autorizzazione valida, non hanno uno straccio di piano di delocalizzazione, non hanno un accordo con un altro territorio per delocalizzare ed insistono per riaprire.
    Questo è proprio il paese dei balocchi….

  4. Tra un mese imagurazione del centro commerciale. Trent anni di denucie, almeno come dice il comitato d affari, e indagini, sequestri iniziano guarda caso proprio in concomitanza coi lavori del centrocommerciale. Di corrotti e corruttori ne abbiamo conosciuti ne conosciamo e ne conosceremo. Oggi i comitati plaudono alla giustizia, ma all inizio furono loro a gridare alla vergogna e ad una magistratura assente. Invece di ringraziare la magistratura ringraziate le pressioni arrivate dall alto. Io sono con gli operai fino alla fine.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.