Il nuovo ruolo, il gol, i sacrifici: la seconda vita di Improta

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
brescia-salernitana24Una bella risposta agli scettici, a quelli che gli dicevano che dopo un infortunio come quello che aveva rimediato l’anno scorso non sarebbe mai più tornato quello di prima, a tutti quelli che non lo ritenevano adatto al ruolo affidatogli da Sannino, a tutti. Riccardo Improta ha portato la Salernitana in vantaggio al Rigamonti, sfruttando ottimamente l’approssimazione con cui Coly ha gestito un possesso banale. Furbizia, velocità, senso del gol, c’è un po’ di tutto nel primo centro in maglia granata dell’attaccante di proprietà del Genoa, che ha dato vita ad uno splendido duello sulla fascia proprio con Coly.

La battaglia tra il mancino del Brescia e il nuovo esterno di fascia granata (una bella intuizione del tecnico di Ottaviano) è stato uno dei temi dominanti del match. Improta, che aveva già avuto in avvio una buona occasione, neutralizzata da Minelli, ha avuto il suo bel da fare in fase di contenimento, visto che il suo dirimpettaio è giocatore di “gamba”, pronto a proporsi con costanza nella metà campo avversaria. E in effetti Coly in un paio di circostanze è riuscito anche a superare la guardia del fratello d’arte (prima di Riccardo, anche Umberto e Giancarlo hanno indossato la maglia della Salernitana). Poi, però, Improta ha preso le misure al coloured del Brescia e, alla lunga, ha vinto il duello.




Ma soprattutto ha vinto una sfida con se stesso. A luglio dello scorso anno, appena approdato al Cesena, l’attaccante napoletano ha riportato un gravissimo infortunio al ginocchio, che ha richiesto un intervento delicato e una dura riabilitazione. Improta è tornato ad allenarsi coi compagni in inverno, ma in buona sostanza non è mai stato utilizzato da Drago nel finale di campionato (se non per fugaci apparizioni). Una volta approdato in granata, ad agosto, Improta si è impegnato a fondo per recuperare il gap rispetto ai nuovi compagni di squadra e, ora che Sannino ha ridisegnato la sua Salernitana, ha affidato al genoano un ruolo che non aveva mai ricoperto prima in carriera.

Il puteolano, preferito a Laverone nelle ultime due gare, ci sta mettendo corsa, disponibilità al sacrificio, ma soprattutto tanta tanta voglia, anche se deve migliorare in fase di contenimento. Il settimo marcatore stagionale della squadra granata sta lavorando per imparare gli automatismi necessari per ricoprire al meglio il nuovo ruolo e per raggiungere una buona intesa coi compagni dei vari reparti. Il dato certo è che ha dato una bella risposta a chi temeva che non sarebbe più tornato quello in grado di incantare anche con la maglia dell’Under 21, uno dei giocatori più promettenti della classe ’93.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.