Metti una sera a Salerno a parlare di Brexit e d’Europa (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
cosimo risiA Salerno, mentre i rappresentanti delle istituzioni e della stampa hanno altri impegni, un bel gruppo di giovani liceali si riunisce la sera per discutere di Brexit e altre storie europee. Il racconto dei relatori è lieve nel tono sebbene denso nella sostanza. Cosa accadrà alla nostra Europa dopo che il Regno Unito ne sarà uscito? Tutto resterà più o meno come ora (così ipotizza il quotidiano Libero a mostrare che tutto sommato andarsene e restare si equivalgono)? Oppure il caso britannico farà scuola ed altri stati membri (qualcuno già tentenna) si metteranno a ruota?

Gli interrogativi sono pesanti e vale riportare qui per gli assenti quanto si è detto. La dottrina economica è sconcertata, ad usare un eufemismo. Pur vantandosi di avere studiato e previsto tutto, salvo sbagliare le previsioni, gli economisti non hanno considerato il caso della disintegrazione di una zona economica. La prassi – dicono – ha offerto solo casi d’integrazione, come appunto l’Unione europea. Se la zona integrata si disintegra, è un problema. Tutti ci perdono: massimamente quelli che vanno via, minimamente quelli che restano. Una partita lose – lose, per dirla nel linguaggio caro agli economisti. I Britannici perdono alcune grandi imprese che preferiranno spostare le attività nel continente integrato. Easyjet l’ha già annunciato ed altre big firms seguiranno. I continentali perderanno il mercato britannico che si darà regole diverse e probabilmente protezionistiche.

Il nodo sta nella libera circolazione delle persone. L’infortunio della scuola britannica, che distingue gli allievi fra italiani doc e napoletani – siciliani, potrebbe segnalare una tendenza. I “continentali” non saranno graditi nel Regno Unito a qualsiasi titolo. Per converso i britannici non saranno graditi nel continente. L’Europa si farà più stretta e tutti perderanno. Certe conquiste, che ora sembrano così fattuali da stare là da sempre e per sempre, sono reversibili. Le compagnie low cost , che facilitano i viaggi a migliaia di viaggiatori, esistono grazie al mercato unico europeo. Se questo si spezzetta in tanti mercati nazionali, si torna alle vecchie compagnie di bandiera con le tariffe da capogiro che molti di noi ancora ricordano.

Il programma Erasmus ha mobilitato e mobilita milioni di studenti. L’ideale sarebbe che nel prossimo decennio si arrivi alla mobilità di trenta milioni di giovani. Un sogno realizzabile con le regole attuali e con adeguati finanziamenti. Un azzardo in caso di frammentazione degli studi per cui ciascun ragazzo resterà nell’orticello domestico a coltivare la propria lingua se non il proprio dialetto.

Il rischio più grosso che corriamo – anche se nessuno per ora lo teme davvero – è che l’Europa delle nazioni ridiventi l’Europa bellicosa e coerentemente belligerante del XX secolo. Una guerra oggi lascerebbe ben poche tracce dietro di sé. Lo scenario è talmente spaventoso che pure le diatribe, per ora solo verbali, fra Russia e Stati Uniti ci sembrano esercizi da campagna elettorale. In America si vota a novembre e non a caso si dice che il Presidente americano è il Presidente di tutti.

Il messaggio finale della serata salernitana è: teniamoci stretta questa Europa, semmai riformiamola dove necessario, prepariamoci alla scadenza del 25 marzo 2017 con animo di speranza.

Cosimo Risi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.