Gabionetta dalla Cina: «Mi manca il calore di Salerno»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
salernitana_avellino_2015_75_esultanza_gabionettaLa Gazzetta dello Sport propone una interessante intervista a Denilson Gabionetta emigrato in Cina dopo l’esperienza a Salerno con la maglia granata. Ad un anno di distanza il quotidiano sportivo ha realizzato un articolo interessante

Brasiliano d’origine ma italiano di adozione – sette anni e mezzo tra Varese, Pisa, AlbinoLeffe, Crotone, Torino e Salernitana, Denilson Gabionetta ha accettato a febbraio l’offerta dell’Hangzhou Greentown. Due anni di contratto e opzione per il terzo, 400 mila dollari a stagione, un salto notevole dai 60mila euro di Salerno, percepiti ogni due mesi. Qui non solo pagano puntuale ma, fuori sacco, gratificano lui e i suoi compagni di squadra con 2 mila dollari per ogni vittoria e mille per ogni pareggio saldando il conto prima della partita successiva. «Non posso nascondere che qui i soldi facciano la differenza ma la mia è stata una scelta di vita». E infatti si è trasferito con la moglie Gisele e la figlia Isabella di 2 anni. «All’inizio ero scettico, a Salerno stavo benissimo. Ma il club continuava a rinviare il rinnovo e ho colto al volo l’occasione di fare un’esperienza in un Paese nuovo, con le due donne della mia vita».

 

Hangzhou, sede dell’ultimo G20, è una delle principali mete turistiche: ampi spazi verdi, il meraviglioso Lago dell’Ovest che è patrimonio Unesco, templi e pagode. Gabionetta se n’è innamorato, senza recidere il legame con l’Italia. «Frequento il ristorante gestito da un signore di Matera, ho trovato un supermercato con tutti i prodotti italiani. Salerno mi è rimasta nel cuore, ho tanti amici lì, comprese le famiglie Volpe e Di Motta che mi facevano sentire a casa. Però ad Hangzhou non mi manca nulla. Abito in un condominio splendido con giardino, piscina, palestra». Non tutto è oro. «Ero abituato a essere indipendente, qui per fare qualsiasi cosa devo chiedere a qualcuno. La lingua è un ostacolo, comunico a gesti: all’inizio mi innervosivo ma ora mi viene da ridere». D’altronde è una babele la stessa squadra. Lo staff del Greentown è composto da un cinese, un giapponese, un coreano, un bulgaro e un brasiliano.

Si lotta per la salvezza e Gabionetta, abituato alla serie B italiana, qui è di un’altra categoria. «Faccio l’esterno sinistro nel 442, in Italia stavo a destra. A volte i miei compagni fanno degli errori… Si corre avanti e indietro, c’è poca tattica. Per i primi sei mesi ogni lunedì facevamo 8 chilometri di corsa, poi per fortuna siamo passati agli sprint. Nello spogliatoio è tutto più rilassato. Si scherza, qualche compagno porta le casse e mette la musica a palla». La tensione del nostro mondo è un lontano ricordo. Non a caso la chiacchierata con la Gazzetta avviene, a poche ore dalla partita, nella hall dell’albergo di lusso che ospita il Greentown. Tutto fin troppo tranquillo ad Hangzhou, che segue il calcio con distacco. Il patron della squadra, Song Weiping, è un immobiliarista che ha costruito mezza città. Il Greentown sembra più un orpello che un asset strategico. L’affluenza allo stadio è di 10mila spettatori a partita, compresi gli incalcolabili biglietti omaggio. «Mi manca il calore del pubblico, mi manca il rapporto coi tifosi», ammette Gabionetta. «Ma non mi lamento: sono tranquillo, nessuno mi disturba, la mia famiglia sta bene. E mi pagano pure bene».

Fonte GazzettadelloSport.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. non sapete fare manco i conti:se Gabionetta prendeva 60000€ ogni 2 mesi in un anno prendeva 360000€. Convertendo i 400mila$ in € ora prende 363000€….magari avete sbagliato lo stipendio dell’anno scorso????

  2. Sì, Gabionetta, vuoi mettere giocare in pantofole? Chiudi la carriera in Usa che si sta ancora meglio.
    Comunque il tasso tecnico della Cina aumenterà negli anni, è il loro obiettivo, aprire scuole calcio a milioni di ragazzi (vedi: Lippi ct della federazione cinese). Sono talmente tanti, e selezioneranno tali campioni che un giorno a livello internazionale non ce ne sarà per nessuno.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.