Tavecchio: «Riforma. Senza stadio, dirigenza, vivaio, incassi non si sta in Serie A»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
pallone-calcio“Le riforme non possono più essere individuate come un fatto tecnocratico. Serve una specie di rating: se hai stadio, dirigenza, settore giovanile, capacità di indebitamento, incassi a breve compatibili, possibilità di fare mercato e impianto d’illuminazione, puoi giocare in Serie A.

Altrimenti vai in un’altra categoria”: questa, secondo il presidente della Federcalcio Carlo Tavecchio, dev’essere l’impostazione per la riforma dei campionato. “Se non passa questa tesi, c’è il declino del sistema – ha detto Tavecchio durante il Forum Sport e Business del “Sole 24 Ore” – Non possiamo permetterci 102 squadre professionistiche.

Sono il doppio che in altri Paesi. In questi anni abbiamo sentito tanti discorsi su crescita e sostenibilità, ma non si parla di qualità: è quella che fa crescere il mercato”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Finalmente. Il calcio italiano negli ultimi 10 anni è caduto nel baratro che ha portato a un declassamento dell’intero sistema, negli ultimi 10 anni i club italiani in Europa hanno solo fatto brutte figure grazie alla presenza di club meno blasonati con Udinese,Fiorentina,Chievo che hanno soffiato la partecipazione alla Champions a squadre molto più importanti e plurivincenti come Milan,Inter,Juventus con il risultato di farle indebitare e quindi di non potergli più permettere di reggere le spese e fare nuovi acquisti. Negli ultimi 10 anni abbiamo assistito alla presenza di club in serie A senza uno stadio di proprietà a norma e nemmeno che giocassero le partite casalinghe nella propria città basti ricordare il Carpi giocare a Modena, il Crotone giocare a Pescara, il Sassuolo giocare a Reggio Emilia e come non dimenticare il Cagliari nel 2012 giocare le partite casalinghe a Trieste di cui molti ricorderanno l’ultima giornata del campionato Cagliari-Juventus a Trieste, si fosse giocata a Cagliari forse la Juve non avrebbe vinto facilmente e conquistato lo scudetto (non dimenticatevi il gol non assegnato a Muntari in Milan-Juventus di quella stagione).

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.