Anziani maltrattati ad Acerno, figlio riconosce la voce della madre nel video delle violenze

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
anziani-maltrattati«Ho riconosciuto la voce di mia mamma.  Sì la voce di mia mamma che strillava e la stavano trascinando. Al 90 % ho riconosciuto la sua voce».  Metteo De Rosa il figlio di un’anziana che è deceduta lo scorso mese di giugno vedendo ed ascoltando in tv uno dei video realizzati dalle telecamere posizionate nella casa di riposo dai carabinieri ha riconosciuto la voce della madre. Il figlio della donna è stato intervistato da LIRATV.

«Mia madre è stata condotta alla casa di cura ad agosto del 2015 ed è deceduta il 26 giugno del 2016. Mi hanno chiamato alle cinque di mattina dicendomi che era morta nel sonno». Matteo De Rosa conosceva  l’amministratore della società che gestiva la casa di cura e proprio per questo aveva deciso di far ospitare sua madre nella struttura di Acerno. «Mi avevano parlato molto bene della casa di cura. L’accoglienza era buona, c’era massima pulizia nei bagni e nella cucina. Ero molto amico del titolare eravamo diventati amici cari. Poi tutto un tratto ho visto quello che non dovevo vedere».

E quando Simonca Cataldo che lo ha intervistato chiede a fine intervista se è sconvolto? De Rosa risponde: «Sconvoltissimo».

De Rosa è assistito dall’avvocato Lucia Marra che sempre a LIRATV ha detto. «Il signor De Rosa mi ha chiamato sconvolto e mi ha spiegato di aver riconosciuto la mamma che era deceduta da pochi mesi in uno dei filmati che purtroppo abbiamo visto nei telegiornali relativo alla casa di cura. Adesso bisogna aspettare il proseguo delle indagini.  Siamo contenti ovviamente noi come cittadini e penso tanti altri ringraziamo le forze dell’ordine perché è giusto evidenziare queste situazioni è giusto dare voce a quelle categorie di persone deboli che non avrebbero avuto possibilità di manifestare quello che è successo soprattutto nel caso del madre del signor De Rosa che non ha avuto più possibilità di dirci cosa è successo».

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.