Fonderie Pisano: Salerno; Comune sostiene la delocalizzazione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
fonderie-pisano-protesta-tetti-2“Già da mercoledì verificheremo quali sono le azioni nelle nostre concrete disponibilità perché noi vogliamo essere vicini ai lavoratori e ai nostri cittadini”. Cosi’ il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, al termine del Consiglio comunale a Palazzo di Città in merito alle fonderie Pisano, punto all’ordine del giorno trattato nel corso della seduta. “Noi dobbiamo accompagnare la delocalizzazione. La nostra stella polare – ha sottolineato – è la salute ma comprendiamo che l’occupazione è altrettanto fondamentale soprattutto in un territorio del Mezzogiorno. Il vice presidente regionale Bonavitacola mi ha assicurato che domani o dopodomani verrà convocato un tavolo per discutere la questione”.

La mozione, discussa nel corso della seduta, è stata approvata da tutti, ad eccezione del consigliere di opposizione Giuseppe Zitarosa. “Il Comune di Salerno – si legge nel documento – sosterrà l’iniziativa di delocalizzazione dell’impianto anche attraverso il mantenimento delle attuali previsioni di Piano, a condizione che la proprietà dell’area attui la delocalizzazione nei termini prestabiliti e provveda alla conseguente necessaria bonifica e riqualificazione dell’area”.




Alla seduta erano presenti il comitato Salute e Vita presieduto da Lorenzo Forte, i lavoratori dell’azienda e i sindacati. “Oggi – spiega Francesca D’Elia (Cgil) – non abbiamo fatto un presidio. Avevamo chiesto da tempo che si facesse una discussione in Consiglio comunale. Avevamo anche ipotizzato un Consiglio comunale monotematico perché è giusto che questi momenti drammatici, incluso la procedura di licenziamento, sia oggetto di dibattito in sede istituzionale”.

Al Comune, invece, questa mattina non era presente, il presidio permanente “considerando inaccettabile ed inutile la tardività di una discussione in tale sede. Non è più ormai il tempo di dispute, proclami e fantasiose soluzioni: oggi ci si deve affidare al lavoro serio e dettagliato della magistratura”. Per il consigliere di opposizione Antonio Cammarota “è necessario far riprendere le attività, seppure a ritmo ridotto, cercando di salvare l’ultima industria di Salerno”.

Per Dante Santoro: “quella di oggi non è una vittoria, ma una sconfitta, il risultato di venti anni di promesse disattese”. E, mentre Santoro ipotizza come sito per la delocalizzazione il comune di Eboli, Roberto Celano punta l’attenzione sulla cementificazione di abitazioni civili che va scongiurata nell’area dove oggi sorgono le fonderie. Per Zitarosa, invece, l’unica soluzione per salvare i lavoratori, sarebbe quella di “farli lavorare anche attraverso le cooperative del Comune”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.