Referendum: De Luca, "Sì perché burocrazia è palude che paralizza"

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
vincenzo_de_luca“Sull’utilizzo dei fondi europei dobbiamo fare di più come Regione Campania. Per questo saranno pronti entro pochi giorni 40 milioni per aiutare i Comuni a elaborare progetti validi. Il problema vero è la burocrazia che allunga i tempi delle procedure, una vera e propria palude che rallenta e paralizza l’Italia e il Meridione. Per questo voterò ‘sì’ al referendum”. Lo ha dichiarato il governatore Vincenzo De Luca, intervenendo alla tavola rotonda intitolata “Investire nelle Regioni Meridionali” e organizzata alla Cappella Palatina della Reggia di Caserta dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea.




All’incontro, presieduto dal capo della Rappresentanza Beatrice Covassi, hanno preso parte il sottosegretario Claudio De Vincenti, il vice-presidente della Bei (Banca Europea degli Investimenti) e presidente del Fei (Fondo Europei per gli investimenti) Dario Scannapieco, che ha spiegato lo stato di attuazione in Italia del Piano di investimenti cosiddetto “Juncker”, alcuni europarlamentari come Nicola Caputo, Andrea Cozzolino e Aldo Patriciello.

“I 40 milioni di euro che saranno sbloccati in breve – ha proseguito De Luca – fanno parte del fondo di rotazione da 80 milioni previsto per l’elaborazione di progetti cui hanno chiesto di attingere 400 istituzioni pubbliche campane, tra Comuni, Asl e altri enti come Università, per un totale di investimenti di 7.5 miliardi di euro. Purtroppo siamo in ritardo con l’attuazione della programmazione Por 2014/2020, per colpe provenienti dal passato e anche nostre, avendo approvato il piano solo lo scorso anno. Ma entro gennaio contiamo di far partire le prime gare d’appalto per la progettazione, quindi entro primavera quelle per i progetti esecutivi e prima dell’estate vorremmo attivare dei cantieri. Cercheremo di spendere tutti i 14 miliardi di euro previsti per la Campania”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Ormai, conscio del vantaggio del Sacrosanto NO ma temendo, soprattutto, che difficilmente riuscirà a piazzare il figlio in un listino bloccato del PD per garantirgli l’elezione alla Camera ( l’unica cosa che gli interessa realmente) arranca in un tragicomico monologo tra puttanate clamorose, vergognose bugie ed esilaranti compiacimenti nei confronti di Renzi che, notoriamente, promette stanziamenti solo su slides.
    Che spettacolo indecoroso! Uno Padre che si ridicolizza e si umilia per piazzare il figlio.

  2. Pensa a difenderti dalle nuove accuse del tribunale e pensa di meno alle persone oneste ,per esempio DI MAIO, DI BATTISTA e FICO.

  3. LA COSA CURIOSA CHE CON IL SI I CONSIGLIERI REGIONALI, SINDACI ED ALTRI AMMINISTRATORI LOCALI, POSSONO DIVENTANO SENATORI, E QUANDO HANNO IL TEMPO DI FARE TUTTE E DUE LE COSE? OLTRETUTTO IL SENATO CONTINUEREBBE, PIU’ O MENO, A FUNZIONARE COME ADESSO DOVE STA LA DIFFERENZA IN TERMINI DI MINORE BUROCRAZIA?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.