Evento Luci d’Artista: su Google Salerno avanti rispetto a Torino

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
luci_artistaDa Nord a Sud d’Italia le Luci d’Artista sono ormai conosciute da tutti. L’evento, nato a Torino nel 1998 e intrapreso nella città di Salerno nel 2006 da dove prosegue da 11 anni, si può configurare prima di tutto come una gigantesca operazione di marketing nella quale la piccola Salerno è riuscita – almeno sul web –  superare la città della Mole. Se infatti si effettua una ricerca su Google scrivendo «Luci d’artista Salerno» si visualizzeranno 399mila risultati. Se lo stesso tentativo viene fatto per «Luci d’artista Torino» si otterranno 393.000 risultati.




Secondo quanto viene riportato dal quotidiano Il Mattino oggi in edicola, a Salerno si parla di un business da 15 milioni di euro per le luci (Circuito dell’accoglienza, parcheggi e card). Luci d’Artista è quella manifestazione durante la quale nel periodo natalizio, alcune piazze e vie delle città si vestono di luci, che vanno oltre le consuete luminarie di fine anno: sono infatti opere concepite da artisti contemporanei, che si qualificano per l’alto valore scenografico o per valori fortemente simbolici e concettuali. Salerno quest’anno il tema è “Le Mille e una Notte!”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Un turismo di caciara e poco altro. Il turismo non può sostituire il nulla del tessuto economico assente città e una emigrazione giovanile sempre più fenomeno dilagante. La città deve costruirsi una nuova prospettiva economica, credibile e reale, recuperare una dignità funzionale e civile, e fare del turismo solo una delle diverse possibilità di sviluppo. Non quella unica e risanatrice.
    E’ tempo di riflessioni, ma sognare come dei bambini ci rende liberi e sprovveduti proprio come ci vuole questa dinastica amministrazione.

  2. Per i ragazzi di quartiere: Perche non se piu specifico. Sembri un po come quei politici che parlano senza dire nulla. Non abbiamo agricoltura se non nell agro e nella piana del sele che sono aree di competenza di altri comuni, le industrie si contavano da molti anni sulle dita di una mano massimo due e credo che oggi siano tutte fallite o andate via. Siamo una citta’ basata solo sul commercio nemmeno fatto bene a mio avviso dai commercianti. Basti vedere a natale che le vetrine non sono nemmeo allestite per allettare i passanti a entrare.
    Ci si lamenta che la citta e’ sporca e basterebbe che ogni commerciante, ristoratore mandasse un prorio dipendente fuori il negozio a ripulire ogni ora lo spazio circostante 5-10 m2. Rimane solo il turismo fatto ancora male ed in maniera approsimata ma almeno da alcuni anni qualcosa si muove. Le luci di artitsta posso piacere o non piacere, provocano sicuramente disagi per i cittadini, ma generano comuqnue un flusso di visitatori importante. E non e’ solo turismo da gita di pasquetta. Lavoro per un azienda del nord e tutti gli anni c’e’ qualcuno dei miei colleghi che viene a visitare al citta durante questo evento. Quello che mi fa incazzare di una parte delle persone spero non politicizzate e’ che si tende sempre a lamentarsi ed a pretendere la luna: voglio il turismo, pero’ non voglio casino, pero non vendo un tubo perche’ ci sono poche persone e poi la voglio cotta no pero e’ meglio cruda…. Siete buoni solo a lametarvi. IO critico De Luca su molte cose ma gli do il merito di aver provato a rivitalizzare questa citta’ per esempio in un periodo morto come la stagione invernale. Ma chi c.zo deve venire in citta’ a novembre dicembre gennaio? Invece di fare come a rimini e cioe’ sfruttare l’evento ed aiutare a farlo crescere sento solo lamentele e pretese assurde. Ma coa volte che salerno diventi una citta’ pulita, turstica, e ricca per virtu dello spirito santo? Datevi una mossa e promuovete inziative serie ed in alternativa a questa delle luci. Basta lamentele senza senso

  3. D’accordissimo con l’ultimo commento.Basta con persone che si lamentano sempre. Sabato a Pastena c’è stata la notte bianca, tutti i negozianti di abbigliamento a lamentarsi x il poco movimento. Ma nessuno che ha messo in piedi qualche vendita promozionale per la serata…e allora cosa cambiava rispetto ad un sabato qualsiasi??? Solo l’afflusso di persone? Ma basta lamentarsi sempre…

  4. Xanonimo
    Tra te e “i ragazzi dei quartieri” quello che non ha detto nulla sei tu, o meglio hai detto delle cose senza senso.
    E’ vero che l’agricoltura si trova in provincia, e allora? Se fosse ben fatta avrebbe dato lavoro a tanti giovaniì che non dovrebbero emigrare. Fatta bene significa che i nostri politici devono fare leggi che invoglino i giovani a lavorare la terra e non emigrare alla ricerca del posto fisso. Se infatti il contadino, dopo che si è spaccato la schiena tutto l’anno, deve incassare gli spiccioli e con il suo prodotto gli altri si ingrassano, mi spighi perchè dovrebbe continuare a spaccarsi la schiena? Al nord si organizzano in cooperative e gli agricoltori riescono a vivere dignitosamente se non bene.
    Per quanto riguarda la pulizia delle strade, secondo te il negoziante dopo che paga cifre scandalose come tassa per i rifiuti deve preoccuparsi di pulire la strada? Ma stai bene? E’ compito dell’amministrazione tenere pulite le strade e far lavorare gli addetti. Ma siccome è molto probabile che le partecipate siano poltronifici, ecco che ci troviamo nella situazione in cui siamo. Prova ad andare ad una isola ecologica a consegnare i rifiuti e te ne renderai conto di quello che sto dicendo. Se ti va bene devi separarti tu i rifiuti sotto indicazione degli addetti. Poi non dimenticare che nessuno investe in Italia perchè la burocrazia è infinita e le tasse sono insostenibili. Invece di risolvere il problema della burocrazia lenta ed abbassare il costo del lavoro, il governo ha pensato bene di cancellare i diritti dei lavoratori con il job act che altro non è che un grosso regalo alle multinazionali e lobby varie.
    Puoi creare turismo stabile, come ad esempio Sorrento, Venezia ecc. se crei eventi che valorizzano i prodotti locali dando la giusta dimensione internazionale. Ad esempio, la prima cosa che mi viene in mente, non è stato mai organizzato qualcosa per pubblicizzare la mozzarella di bufala che comunque è famosa dappertutto. Certo che però ‘è bisogno di organizzazione e competenza, cosa che questa amministrazione ha dimostrato di non avere (vedi notte bianca, lo stato di abbandono delle piazze, del lungomare dove la fanno da padrone i topi e le blatte). Qua nessuno si lamenta se nopn per il fatto che si paghiamo gabelle elevatissime in cambio di un assessore al bilancio nominato e nessun servizio. La gente che paga le tasse, è datore di lavoro degli amministratori a cui è demandato il compito di fare l’interesse della cittadina. Non si può pagare uno che fa un lavoro e poi farselo da soli, non è così che funziona, gli amministratori sono pagati per sfornare idee per rendere competitivo il territorio.
    Io spero che la gente apra gli occhi e si renda conto di dove ci sta portando la dinastia regnante e non li votino più. Certo che quelli che li continueranno a votare poi non devono ribellarsi se i figli, qualora i genitori non rientrano nel cerchio magico, sono costretti ad emigrare per trovare lavoro.

  5. A me non preoccupano i ragazzi che se ne sono andati per lavorare, quelli almeno hanno iniziativa.

    Sono molto peggio quelli che rimangono a non fare un caxxo, troppo tempo libero e connessione Internet a casa di mammà per sparare sentenze.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.