Venerdì 4 novembre sciopero generale dei lavoratori di Poste Italiane

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
poste_italianeLe sigle sindacali hanno indetto uno sciopero nazionale che si terrà a carattere regionale, per l’intera giornata del 4 novembre per protestare contro la privatizzazione delle Poste Italiane e per difendere il futuro dei dipendenti e la salvaguardia della qualità del servizio. La Slp Cisl di Salerno è pronta a partecipare alla  mobilitazione.

Saranno circa 1000 lavoratori della provincia salernitana a partecipare al presidio di Napoli, dove è prevista la presenza di circa 5mila lavoratori, provenienti da tutta la regione Campania. Partenza con pullman ed altri mezzi alle ore 8,00 da Salerno, dall’ingresso della tangenziale di Pastena.

A Napoli, concentramento alle ore 9,30 a piazza Mancini e con corteo di arrivo a piazza Matteotti. Comizio finale dei segretari di categoria Slc Cgil, Slp Cisl, Failp, Cisal, Confsal Com e Ugl.

Marco Vincenzo, segretario generale della CISL Lavoratori Poste Salerno:  “Contestiamo il progetto di privatizzazione del Ministero dell’Economia, in quanto con la sua uscita definitiva dall’azionariato di Poste Italiane, muta completamente gli assetti societari e il controllo pubblico in Poste Italiane. Con questa azione si perde l’unicità aziendale e in più Poste Italiane si svende!. Per questo deve rimanere a maggioranza pubblica”.

“Poste italiane è una eccellenza dei servizi del nostro Paese. In 20 anni da “carrozzone di Stato” è diventata  una prospera  azienda con floridi ed attivi bilanci. Piuttosto si utilizzino gli utili di bilancio per rendere più efficienti i servizi e le condizioni di lavoro”,  spiega il leader dei lavoratori postali salernitani.

“In molte regioni  il servizio è in affanno e la situazione potrebbe peggiorare con l’avvio della distribuzione a giorni alterni prevista nel piano di riorganizzazione dell’azienda. C’è anche da garantire il mantenimento dei livelli occupazionali. Queste sono le motivazioni che ci hanno indotto a lanciare una fase di forte mobilitazione”, conclude Marco Vincenzo.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Il segretario dimentica una cosa,le poste sono passate dall’essere carrozzone a azienda florida rifilando robaccia finanziaria a ignari pensionati/risparmiatori e diventando una sorta di negozio di chincaglierie,i servizi principali (corrispondenza e simili) peggiorano di giorno in giorno,soprattutto visto come avvengono le assunzioni.Se questa è un’azienda florida fa benissimo lo Stato a liberarsene.Spero soltanto che venga spacchettato il servizio di corrispondenza dal resto,quello deve rimanere pubblico

  2. Veramente, anche quando lavorano è come se scioperassero. Gente che digita sulla tastiera un carattere al minuto, gente che non parla italiano, 2 ore per una raccomandata, 2 ore per un bollettino e per non parlare di quando devono fare un’operazione più complessa. Ma quale sciopero che questi devono baciare a terra e ringraziare chi li ha raccomandati per stare lì seduti sguardo assente a fare il nulla cosmico.

  3. ma che dici si vede che sei completamente ignorante non capisci il motivo reale dello sciopero ma dove vivi tu parli ostrogoto sei anche un po invidioso

  4. Visto che avevo ragione? Niente punteggiatura, “un po” scritto senza apostrofo, niente utilizzo delle maiuscole, insulti a casaccio. Semplicemente non conoscono l’italiano e “postman” ce lo ha appena dimostrato.

  5. Caro postman,il motivo reale dello sciopero è che avete paura che con la privatizzazione vi costringano a lavorare come si deve,finiscano i privilegi (in quale altra azienda al mondo i pensionandi possono lasciare il posto ai figli???) e che sfoltiscano un pò la rosa di assenteisti,falsi invalidi e false 104.Io da cittadino dico:BEN VENGA!Non si tratta d’ignoranza,si tratta di libero mercato,l’ignorante qua non è l’amico del commento precedente ma i vostri cari sindacati che hanno permesso tutto ciò

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.