Luci d’artista: Amaturda (FI), evento carino ma con 3 milioni si devono salvare industrie 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa
amatruda-gaetano“Vanno benissimo le luci d’artista, sono carine e hanno numeri importanti ma le luci le accenderei davvero sul ‘sistema Salerno’ “. Così in una nota Gaetano Amaturda, vice coordinatore provinciale di Forza Italia Salerno.
“Se ci fosse – aggiunge – la stessa attenzione e voglia di partecipare anche nella riflessione sul controllo ‘manu militari’ della città e dei ruoli chiave, o nella discussione sul ruolo di Salerno e sul futuro industriale e produttivo si salverebbero un po’ di posti di lavoro e si costituirebbe sviluppo vero”.
“L’evento ‘Luci di plastica’ (di artistico non c’è nulla ) ha numeri significativi, è realmente partecipato, e bisognerà lavorare, seriamente e con competenza, affinché i salernitani non diventino prigionieri in casa propria. La follia è – sottolinea – utilizzare tre milioni di euro, in un momento di crisi, per iniziative così. Queste kermesse si coprono con la spesa corrente e coinvolgendo i privati che ne traggono benefici. Se l’evento è cresciuto, come è evidente, deve avere la forza di contare su finanziamenti anche privati, su sinergie territoriali “.
“I fondi del piano di azione e coesione, i fondi europei e tutte le risorse aggiuntive ai trasferimenti ordinari (lo stesso POC) andrebbero utilizzati per sostenere il tessuto produttivo e le industrie in crisi. Bisognerebbe sviluppare – sottolinea Amatruda – tutti gli strumenti normativi, dagli accordi di programma ai patti fra i territori, per salvare le industrie, i posti di lavoro. Le eccellenze che mettono insieme operai specializzati e laureati”.
“Con questi strumenti, in questi ultimi anni, con la partecipazione della Regione, Pomigliano ha convinto la Fiat a rimanere in Campania. Avellino, a Morra, ha inaugurato la nuova sezione dello stabilimento EMA (Europea Microfusioni Aerospaziali), società del gruppo Rolls Royce. A Benevento – ricorda –  hanno investito sul nuovo stabilimento Adler situato all’interno dell’Ex Polo Tessile di Airola in cui è prodotto l’innovativo telaio in fibra di carbonio dell’Alfa Romeo. Gli unici al Sud. A Castellammare si è salvata la Fincantieri, in Campania si è sviluppato il settore dell’aerospazio, fra i migliori in Europa.
Si investe di fatto sui giovani e si stimola l’indotto di qualità”.
“I tre milioni di quest’anno che si aggiungono ali oltre 20 degli ultimi anni non hanno prodotto condizioni stabili di crescita, non hanno salvato un solo posto di lavoro. Un delitto contro i giovani. Le grandi industrie lasciano, una dopo l’altra, Salerno. Dalla Ideal Standard all’Antonio Amato, dalla ex Pennitalia alle Fonderie Pisano. Si sta costruendo un deserto a Salerno.
Le grandi città europee affrontano questi temi. La politica miope di Salerno li evita, si chiude nel perimetro amministrativo e non governa le grandi funzioni”.
“Serve ragionare di sviluppo con la stessa intensità con la quale si ragiona di ‘Luci d’artista’. Ed a parlare dovrebbero essere anche sindacati e parti sociali, imprese e professionisti, che abbagliati dalle luci, con rare eccezioni, hanno perso la capacità di guardare all’orizzonte” conclude Amaturda
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. Pensavo che i salernitani sarebbero scesi in piazza con i forconi, specie quelli che si sino visti rifiutare il contributo alloggiativo 2015, pur essendo inseriti nella graduatoria definitiva per la drastica riduzione dei fondi, sui quali non vi è alcuna trasparenza.non si sa neanche quanti soldi sono arrivati alla Regione Campania e quanti da questa al Comune di Salerno. Si sa solo che la Regione ha stanziato 3 milioni di euro per le luci di Natale.

  2. I Salernitani sono scesi in piazza… per le vie, sul lungomare, nei parchi, tutti a godersi le luminarie.

    A parte i 4 rosikoni impegnati a scrivere boiate su questo sito ovviamente.

  3. Tutti sapientoni ora,ma finora dove eravate quando Salerno non percepiva nulla e veniva maltrattata dalla Regione, ora tutti professori, prima le industrie non c’erano? I commercianti non ne hanno benefici ora? Aprite la bocca tanto per fiatare……

  4. ,,,,,ma chi è questo mo? un altro essere indefinito! una via di mezzo tra i nemici di Salerno il fanta filosofo…e l’abitante di marte!!!!

  5. tutti questi criticoni dove erano quando Salerno era ai piedi di un politico avellinese che ha bloccato x decenni lo sviluppo della nostra città imponendo sindaci a suo piacimento x uccidere il progresso e lo sviluppo di Salerno ???

  6. Esiste ancora FORZA ITALIA? Se si questo sapientone ci spiega cosa hanno fatto mai per Salerno?

  7. …forse non avete capito…questa specie di essere umano era e forse lo è ancora…il braccio destro di Caldoro.. cioè colui il quale, nel periodo quinquennale in cui ha governato, non ha destinato a Salerno neanche un centesimo di euro ed hanno boicottato fino all’ultimo l’apertura della metro. E’ chiaro di chi stiamo parlando?
    Così..solo per precisare…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.