8 novembre: il mondo col fiato sospeso fino al nuovo Presidente americano (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
cosimo risiOgni quattro anni l’agenda internazionale entra in apnea e noi occidentali con lei: bisogna eleggere l’inquilino della Casa Bianca e l’elezione riguarda il mondo intero. E’ il grande paradosso delle relazioni internazionali all’epoca dei media di massa. D’abitudine ad eleggere il Presidente, e parte del Congresso, contribuisce la minoranza (meno del 50%) dell’elettorato americano, la cui maggioranza vota per il candidato vincente.

Una stretta maggioranza della minoranza dell’elettorato americano decide non solo per l’America  (il che sarebbe normale e legittimo) ma per l’intera umanità e specie per quella parte non trascurabile della medesima umanità che si riconosce nei valori euro – occidentali. I valori di cui il Presidente americano (la Presidente americana) è alfiere nel mondo.

Ci sta un vuoto di legittimazione  fra eletto ed elettorato nella scelta del Presidente. In attesa che pure negli States voti la rete, qui ci contentiamo della rincorsa affannosa dei media al pettegolezzo made in USA. Sappiamo delle confidenze da spogliatoio del candidato Trump.  Sappiamo delle mail galeotte della candidata Clinton, che scriveva anche di affari di stato da un server privato anziché da quello ufficiale del Dipartimento di Stato. I vizi privati dei candidati divengono vizi pubblici, oggetto del massimo ludibrio da parte dei sostenitori dell’uno e dell’altra, come se davvero il mondo potesse scegliere il “proprio”  Presidente sulla base di registrazioni pirata e mail rubate.

Decidere spiando attraverso il buco della virtuale serratura di microfoni e cimici non depone bene per la sorte della democrazia americana. E neppure per noi che di quella democrazia siamo seguaci. Ma così stanno le cose, ed è vano aspettarsi che migliorino. Anzi, non potranno che degenerare se, come pure si dice, hacker di potenze straniere s’inseriscono nei circuiti cibernetici per influenzare l’esito del voto. Forse è giusto così. Visto che il mondo è escluso formalmente dall’elezione del “proprio” Presidente, tanto vale entrare di soppiatto nel meccanismo del voto e trasformarci surrettiziamente in grandi elettori.

L’agenda internazionale è sospesa ma non gli eventi. Questi precipitano per mettere il nuovo Presidente di fronte ad una serie di fatti compiuti per pregiudicarne l’operato. L’Amministrazione Obama si è messa d’impegno per ridimensionare il DAESH e in prospettiva debellarlo. Trasformarlo in una sigla povera di contenuto come già prima Al – Qaeda.

L’esercito iracheno riconquista Mosul e si attribuisce mediaticamente il merito del risultato. Tutti sanno che dietro a quelle forze armate agiscono forze più potenti e alla fine determinanti. Il ruolo di queste ultime va opportunamente dissimulato perché la lotta al DAESH deve etichettarsi come vicenda interna al mondo arabo – musulmano. L’intervento esterno va tenuto nell’ombra perché non si accusi l’Occidente di rigurgito colonialista e imperialista. La lotta del bene contro il male non si porta più. O almeno non si presenta più come nei primi anni duemila.

Gilles Kepel e Olivier Roy pubblicano contemporaneamente due libri (per ora disponibili sono il francese) sulla matrice del terrorismo internazionale. Il primo  evidenzia la matrice religiosa, il secondo enfatizza la matrice politica ed economica. Domenico De Masi (La stampa del 6 novembre) propende per la prima opzione. Jorge Mario Bergoglio  indica nella disperazione economica  e nell’emarginazione sociale  le cause profonde del male. Il dibattito è aperto e si svilupperà  in attesa che il Presidente americano prenda la posizione definitiva.

Cosimo Risi

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.