Dramma Fonderie: il Piano industriale è incompleto, lo stabilimento non riapre

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
fonderie-protesta-tribunale-1Il giudice per le indagini preliminari Stefano Berni Canani ha ritenuto insufficiente e poco particolareggiato il Piano industriale presentato dall’azienda per ottenere la riapertura – anche parziale – dello Fonderie Pisano. La decisione del gip fa seguito al parere negativo che era stato espresso la scorsa settimana dal pool di sostituti procuratori che si occupano della vicenda. Resta ferma l’attività produttiva delle Fonderie che permangono sotto sequestro.

Nel piano, redatto daPisano, mancherebbero – secondo quanto riporta Il Mattino –  le garanzie sull’assunzione del personale e non ci sarebbe alcun elemento oggettivo atto a garantire che, all’80% della sua produzione,  le Fonderie riuscirebbero a contemperare entrambe le esigenze relative all’esaurimento delle commesse e al mancato sforamento dei parametri di tutela ambientale.

Resta poi in piedi il problema relativo alle emissioni di odori molesti. Nonostante, infatti, gli esiti dei controlli svolti dall’Arpac nel mese di agosto 2016 abbiano attestato la conformità ai limiti tabellari dei parametri relativi agli scarichi, sono perdurate le segnalazioni dei cittadini delle abitazioni confinanti che lamentavano immissioni moleste di fumi, odori e gas maleodoranti.  Ciò significa, scrisse il Gip nel decreto dello scorso ottobre, che: «persino in presenza del rispetto dei limiti» le emissioni «hanno comunque superato il limite della normale tollerabilità».

Nel decreto di rigetto dell’istanza di dissequestro il gip si rifece proprio al principio sancito dalla Cassazione secondo cui «non esiste una normativa statale che prevede disposizioni specifiche e valori limite in materia di odori, con conseguente individuazione, quale parametro di legalità dell’emissione, del criterio della «stretta tollerabilità» e non invece di quello della«normale tollerabilità».

L’ultima parola spetta ora al al Tribunale del Riesame che il prossimo 28 novembre si pronuncerà sul ricorso presentato dall’avvocato Guglielmo Scarlato dopo che Procura e giudice avevano dato parere negativo nonostante i rilievi effettuati dall’Arpac ad agosto fossero pressoché positivi.

Nel frattempo lo spettro del licenziamento è dietro l’angolo per 120 lavoratori.  L’incontro della scorsa settimana tra sindacati e Regione si è concluso con un nulla di fatto ed è stato aggiornato a data da destinarsi in quanto non ci sarebbero ancora le condizioni. La cassa integrazione, infatti, può scattare in caso di riapertura dell’impianto o con un processo di delocalizzazione ben definito. La proprietà si è impegnata a presentare un possibile sito alternativo da valutare insieme alla Regione, pur ribadendo che la ripresa dell’attività è condizione imprescindibile per avviare il processo di delocalizzazione.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. siamo alle solite…siamo alla “normale” interpretazione, ovvero alla “stretta” interpretazione, a seconda dei casi; ossia, gli uni…o gli altri…?? Ci sono milioni di auto che scorrazzano tutt’intorno dalla sera alla mattina; chissà se ci saranno comitati contro il traffico, se ci saranno provvedimenti di sequestro delle arterie stradali…se tanto mi dà tanto, cosi dovrebbe essere! Ma noi…”abbiamo a cura la salute dei cittadini”….quindi si chiudono solo le aziende…i cantieri…in fondo le PM10 non fanno male ad alcuno, anzi…sono proteine che migliorano lo stile di vita.

  2. Per ricapitolare : questi hanno chiesto il dissequestro esclusivamente sulla base dei controlli ( annunciati e concordati ) positivi secondo il loro modo di vedere di agosto.
    Non hanno piano industriale.
    Sono accusati di non avere le autorizzazioni necessarie (illegittime, illecite ed inefficaci quelle possedute).
    Inquinano aria, terra e acqua.
    Non hanno certificazione antincendio valida.
    C’è un’inchiesta in corso che li vede citati come possibile causa delle malattie provocate a decine di persone.
    Ma sulla base di che si avanza la richiesta?
    CHIUDERE PER SEMPRE E BUTTATE LA CHIAVE!!!!!

  3. per … : per il momento in tazza ci resta lei ed i suoi compari…..il posto più adatto direi…..e la catenella è quasi arrivata a fine corsa…..dopo non ci resterà che aprire un pò le finestre e far arieggiare perchè del vostro tanfo non se ne può più…..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.