Dopo la Brexit il Veneto via dall’Italia: lecco la data della Venexit

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
venetoO il 2 o il 9 aprile 2017. Ci sono due ipotesi di data per il referendum autonomista in Veneto. Sarà consultivo, sul modello della Brexit, ma vista l’aria che tira in tutto l’Occidente, il voto indipendentista potrebbe essere l’inizio di un percorso pericoloso per un’Italia concentrata solo su Renzi e non sul vero stato di salute del Paese. Sul malessere che cova nelle zone produttive e che nessun partito sta riuscendo a interpretare. Luca Zaia, presidente del Veneto, ha annunciato la consultazione in Argentina, al circolo della comunità trevigiana, una delle tappe del suo tour in America Latina per incontrare gli emigranti dall’ex Serenissima. Milioni di persone, che il Doge vorrebbe coinvolgere proprio nel referendum autonomista.

Facile per qualcuno liquidare la questione come folclore. Soprattutto adesso che la Lega è impegnata in un percorso di italianizzazione per creare un movimento lepenista-trumpiano e chi più ne ha più ne metta. Peccato che proprio adesso, senza il Carroccio sulla strada, il popolo veneto sarà invece più libero di intraprendere un percorso che partendo dalla richiesta di autonomia, potrebbe sfociare in qualcosa di più grande. La secessione forse è un qualcosa di minoritario, ma la voglia di mandare un vaffa a Roma è tanta. Un recente sondaggio della Demos di Ilvo Diamanti, commissionato dal Gazzettino, ha infatti certificato che il 48 per cento dei veneti vorrebbe l’indipendenza, contro il 47 di cosiddetti italianisti. Come dicevamo, soltanto un 12 è in realtà per la secessione dura e pura. Ma il 52 vuole un’autonomia come quella del Trentino-Alto Adige, ovvero che tutti i soldi fatturati in Veneto restino in Veneto.

Ecco perché l’Italia dovrebbe prendere sul serio il referendum autonomista. Il Veneto regala ogni anno a Roma qualcosa come 20 miliardi, il famoso residuo fiscale, cioè la differenza fra gettito e soldi che ritornano nel territorio sotto forma di spesa pubblica. Se prima o poi si arrivasse a uno statuto speciale sul modello siciliano o altoatesino, per il governo italiano sarebbe un bel guaio: di fatto perderebbe il valore di una finanziaria. Dolori forti. Ben peggiori delle menate provenienti da Bruxelles.
L’emicrania per il presidente del Consiglio, Renzi o chissà chi, potrebbe diventare però permanente, perchè la Venexit fa rumore, ma qua è tutto il Nord che vuole fuggire da uno Stato, capace solo di inventare bonus occupazionali per il Sud e di togliere 400 milioni alla Lombardia, unica regione a zero debito, per regalare 600 milioni alle società campane del trasporto pubblico. Roberto Maroni, presidente dei lumbard, sta percorrendo la stessa strada di Zaia. E probabilmente anche a Milano, così come a Bergamo, Brescia, Varese, Lecco, Como, Cremona, Pavia, Mantova, Lodi, Monza e Sondrio, si voterà il 2 o il 9 aprile per chiedere l’autonomia fiscale dallo Stato centrale. Un voto che potrebbe contagiare pure la Liguria di Giovanni Toti, ormai perno fondamentale della triplice intesa con Zaia e Maroni. Beh, se tutto il Nord chiedesse a gran voce lo statuto speciale, potremmo dichiarare la bancarotta dell’Italia: al bilancio statale mancherebbero quasi 100 miliardi l’anno, il residuo fiscale dell’intero Nord, dove la Lombardia la fa da padrone con 52 miliardi regalati ogni 365 giorni a Palazzo Chigi.

Ripetiamo: qualcuno, sotto la linea gotica, si metterà a ridere dei referendum indipendentisti, come gli amici di Hillary Clinton ridevano di Donald Trump fino a un minuto prima della sconfitta ufficiale della moglie di Bill. Chi non riderà tirerà fuori il solito populismo e i fantasmi della guerra jugoslava (vi ricordate i discorsi della sinistra e di Gianfranco Fini negli anni ’90 contro Bossi?), senza capire che le parole buoniste hanno rotto le scatole. Conta il portafoglio: una volta stava a destra, poi ha cambiato sponda, adesso lo teniamo ben stretto in mano per paura che un amico della Ue ce lo porti via definitivamente. E con i partiti spappolati e i sindacati sorpassati dalla storia, non resta che dare segnali con questi referendum stile Brexit: stavolta vogliamo decidere noi dei nostri soldi, senza farci imporre decisioni dalle banche centrali o dai Napolitano di turno.

Fonte Liberoquotidiano.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. Perfetto! Però vogliamo anche il SAxit, l’uscita della provincia di Salerno dalla Campania. O si aboliscono le regioni, oppure andiamo con la Lucania. Inutile abolire le province (hanno un secolo e mezzo di età). Occorre invece abolire le regioni, istituite nel 1970 solo per fottere i soldi al governo, senza vantaggi per i comuni. Storicamente, geograficamente e culturalmente, siamo più simili ai lucani che ai napulilli e ai cazertari. Già in passato i sanniti volevano scappare in Molise con il Molisannio e gli irpini volevano andare in Puglia. A Salerno vogliamo nuovamente la grande Lucania. La Campania se la tenessero pure i napoletani e i casertani, se la meritano tutta!

  2. Sono molti anni che nel popolo Cilentano è emersa nelle coscienze un fortissimo sentimento di Secessione e Indipendenza dal’Italia.Un grande desiderio di costituire una Nazione Libera Autonoma e Indipendente in un piccolo Stato Sovrano distaccato anche da Salerno e che guarda al’economia del Ovest.

  3. Sono d’accordo con Saxit. Già in terza media insegnano che le regioni a statuto ordinario sono state istituite nel 1970, mentre quelle a statuto speciale (altra truffa) sono nate addirittura più tardi. Queste cose le ho studiate alla Facoltà di Scienze Politiche e le regioni sono state l’argomento della mia tesi di Laurea, conseguita con 110 e lode. Esiste un decreto con data certa per ciascuna regione d’Italia, istituite tutte dal 1970 in poi. Anche secondo me andrebbero abolite le regioni e non le province. Le province sono molto più vicine alle realtà dei territori. Ma figurati se conta ciò che pensano i normali cittadini. L’ultimo Presidente del Consiglio eletto dal popolo risale ormai al lontano 2011 e fu fatto fuori a colpi di spread, più o meno allo stesso modo con cui faranno fuori quello attuale. Povera Italia.

  4. Ho fatto i conti, lo Stato spende per me meno di quanto mi da! Ovviamente le spese per propagandere all’estero l’Italia, per la difesa comune, per la gestione della cosa pubblica non le conto, come avranno fatto i veneti!
    Ho due possibilità: o mi “secessiono e me ne vado dall’Italia, mettendo le frontiere con il dazio, così che ogni volta che compro italiano il negoziante mi deve più di quanto incassa. O mi ammalo di brutto.mi faccio fare un grosso intervento così che pareggio le spese.
    Baggianate? Stupidaggini?
    Non più di quelle che in mondo globale parlano di secessione.
    Totò avrebbe detto: Ma mi faccia il piacere……

  5. Esimio dott. SalExit,
    mi dispiace farLe presente che, mentre le Regioni a Satuto Ordinario, benchè già previste dall’art. 123 della Costituzione (promulgata nel 1948), come afferma Lei, sono state costituite nel 1970, le Regioni a Statuto Speciale sono state costituite come di seguito:
    – Sicilia, legge cost. n.2 del 26 febbraio 1948.
    – Sardegna, legge cost. n.3 del 26 febbraio 1948.
    – Valle d’Aosta, legge cost. n.4 del 26 febbraio 1948.
    – Friuli Venezia Giulia, legge costituzionale promulgata nel 1963.
    L’ho appreso studiando geografia alle elementari.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.